Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 11 giugno 2014

Inciucio a Stoccolma


Meglio un inciucio a Stoccolma o un ubriaco a Bruxelles? Il quesito sarà anche poco adeguato al prestigio istituzionale di una carica come quella di presidente della Commissione Europea.
Ma la sostanza, fuori dai denti, è solo questa. Da una parte c'è Jean-Claude Juncker, un candidato alla presidenza Ue detestato dagli inglesi e poco amato da quanti vogliono farla finita con la politica dell'austerità e del rigore. Un candidato che la macchina del fango alimentata dalla grande stampa europea, Times e Der Spiegel in testa, descrive come un semi alcolizzato vittima di una sfrenata passione per gin e birra. Dall'altra c'è la riunione semiclandestina svoltasi ieri ad Harpsund, 95 chilometri da Stoccolma, nel corso della quale David Cameron e Angela Merkel hanno discusso con il premier svedese Frederik Reinfeldt e quello olandese Mark Rutte l'imbarazzante questione di un candidato che nessuno più vuole. Bisognerebbe ovviamente chiedersi chi abbia delegato al quadrumvirato, riunito nella casa di campagna del premier svedese, il compito di scegliere un candidato alternativo a David Juncker.
La risposta è nessuno. Il mini vertice, svoltosi al di fuori di qualsiasi protocollo ufficiale, ha la stessa legittimità di una riunione carbonara. Ed è in palese contraddizione con tutte le promesse della vigilia del voto europeo quando un mellifluo refrain propagandistico ricordava come - grazie all'articolo 17 del trattato di Lisbona, in vigore dal dicembre 2009 - sarebbe stato il voto degli elettori a indicare il nome del futuro presidente della Commissione.
Jean Claude Juncker, scelto come capolista dalla Merkel e dagli altri grandi elettori del Partito popolare europeo alla vigilia della risicata vittoria alle europee, è però apparso immediatamente inadeguato e improponibile. E non solo per il vizietto che, a dar retta al settimanale tedesco Der Spiegel lo costringe a inattese penniche postprandiali, ma soprattutto per la sua eccessiva foga europeista. Una foga indigeribile per i conservatori inglesi ridotti ai minimi termini dagli euroscettici di Nigel Farage. Tanto indigeribile da spingere il premier Cameron a minacciare un'uscita della Gran Bretagna dalla Ue in caso di mancata sostituzione di Juncker. La mossa segnerebbe, se non la fine della Unione Europea, almeno un suo brusco ridimensionamento. L'allarmata frau Merkel è dunque da settimane alla disperata ricerca di una soluzione. Ma in 28, si sa, è difficile decidere. E allora ecco la pragmatica Merkel pronta a far carne di porco di democrazia e promesse elettorali, per regalare a inglesi ed europei un bell'inciucio in salsa svedese.
källa:il giornale
g.micalessin
Il grande protagonista dell'intrigo intessuto ieri tra i boschi di Harpsund è il padrone di casa, ovvero quel premier Frederik Reinfeldt che tutti i sondaggi danno per grande sconfitto alle parlamentari svedesi del 14 settembre. Insomma un magnifico perdente privo a breve di consenso popolare e di seguito nazionale. Perfetto dunque per tranquillizzare Cameron e per guidare la Commissione prestando la dovuta attenzione ai «consigli» dalla cancelliera. C'è solo un piccolo problema. Accettando l'inciucio e candidatura di Reinfeldt la Commissione europea si affiderebbe a un politico arrivato da una nazione che si è sempre ben guardata dall'introdurre l'euro e dunque conosce ben poco i problemi della moneta unica. Ma per quello, forse, basteranno i suggerimenti di «frau Angela».





Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.