stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 14 ottobre 2014

L`oro rosso degli svedesi.

Le leggende metropolitane sono storielle rimpallate dal tamtam del villaggio globale, ad esempio che gli Svedesi mettono le confetture dappertutto, pure sugli spaghetti e sulla carne ai ferri. Di leggenda vera però ce n'è una sola, e sono proprio le confetture, che sono ben poco metropolitane perchè arrivano dritte dritte dai meandri umbratili delle foreste di Scandinavia.
Ma chiamarle così suona riduttivo, perchè la categoria di «dolcezza» non basta per descriverle e si prestano a usi originali; anzi, spalmarle sul pancake al posto della selvaggina è un sacrilegio che uno svedese non vi perdonerà. E poi chi è in vena di esotismo può pure alzare il naso verso nord, perchè le bacche rosse a queste latitudini sono ben più numerose e sorprendenti delle vostre vaschette da supermercato. Innanzitutto c'è il mirtillo rosso, chiamato lingon, una pianta boreale che solo in Svezia raggiunge il top del carattere, perchè matura lentamente durante le notti bianche. 
Confettura di lingon
Dolce e un pò amaro, fresco e profumato grazie all'acido benzoico naturale, viene considerato l'oro rosso degli Svedesi per la sua strategica abbondanza ed è ricchissimo di antiossidanti, tre volte più del normale. Quello Wild Delights è anche naturale, perchè è sempre selvatico, se organico cresce in condizioni controllate o è addirittura così selvatico da non poter essere certificato, nell'impenetrabilità delle foreste!
È il caso anche delle more selvatiche o cloudberries, il «caviale» dell'Artico, che crescono oltre il circolo polare; dorate e fragilissime, vengono raccolte a mano e sono insuperabili con il formaggio. 
Tutte le bacche sono immediatamente surgelate e trasformate senza additivi, solo con lo zucchero, l'arancia o la vodka nel caso dei mirtilli aromatizzati.

Sapori e profumi delle foreste svedesi che tutti nella vita, almeno una volta, dovrebbero provare.
Parola di nonno Franco


Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.