stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 6 agosto 2011

Giallistica svedese all`olezzo della monnezza napoletana

Dalla Svezia arrivano, senza tregua, romanzi gialli. L’ultimo ha un dotto retroterra storico che fa pensare a Dan Brown, ma anche a Jules Verne. E fra le pagine irte di suspense non manca neanche l’olezzo della monnezza di Napoli

Chiariamo subito un equivoco. Lo Strindberg che da il titolo a questo nuovo romanzo giallo che arriva dalla Svezia – La stella di Strinberg (editore Marsilio), scritto dal giornalista televisivo Jan Wallentin alla sua prima e fortunata prova narrativa – non è August, il drammaturgo, quello di La signorina Julie. Si tratta bensì del figlio di un suo cugino «il quale rischia la vita per una grande scoperta scientifica». Così scriveva August Strindberg nel suo diario, nel 1896.

La grande scoperta scientifica citata dallo “zio” era la spedizione artica (alla ricerca del Polo Nord geografico) organizzata – con il patrocinio dell’accademia delle scienze, del re Oscar II e di Alfred Nobel – dal quarantatreenne ingegnere Salomon August Andrée, fisico, esperto di aeronautica e esploratore, a cui si erano aggiunti due altri temerari, l’ingegnere Knut Hjalmar Ferdinand Fräkel e il fotografo Niels Strindberg, appunto. Spedizione che si concluse tragicamente con la morte dei tre esploratori. I resti della spedizione furono rinvenuti nel 1930. Furono recuperati cinque rullini di pellicola esposta e uno ancora dentro la macchina di Nils. Delle 240 immagini ne furono salvate circa 90.

Una storia ben nota in Svezia, ma molto meno fuori dall’area dei paesi scandinavi. Non ha certo l’appeal del mito del Sacro Graal che appare nel Codice da Vinci, anche se, con una certa furia editoriale, l’autore è stato subito paragonato a Dan Brown e a Jules Verne. A quest’ultimo perché i tre temerari esploratori erano partiti per la loro avventura a bordo di un pallone aerostatico che si schiantò sulla banchisa polare.

Jan Wallentin immagina che Nils Strindberg avesse portato con sé, nella spedizione artica, una croce ansata (simbolo egizio della vita) di origine sconosciuta, che usata insieme a una certa stella a cinque punte si trasformava in un oggetto provvisto di straordinari poteri. L’oggetto del desiderio riappare ai giorni nostri, rinvenuto da un subacqueo nel corso di un’immersione in una miniera abbandonata. Neanche dirlo che dopo il ritrovamento si scatena la caccia alla croce. I cattivi sono dei tedeschi di una fantomatica Fondazione filo nazista (la stessa ossessione di Stieg Larsson), il buono, l’eroe, è un tale Don Titelman, medico esperto di esoterismo.

Nel romanzo siamo citati anche noi italiani: uno dei personaggi chiave è infatti una sedicente giornalista italiana che scrive per tale Rivista del mistero e dell’occulto, ma il meglio arriva con una dettagliata citazione della monnezza di Napoli: «Dietro quello del miele adesso sentiva un familiare sapore (…) il caldo del golfo di Napoli, la puzza dei mucchi di immondizia che filtrava dalle fessure delle finestre nell’appartamento scalcinato. Ricordava che quando la puzza diventava troppo forte cercava di chiuderle».


Le escort, quelle no, ancora non sono citate. Probabilmente in un prossimo romanzo.

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.