Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 12 giugno 2013

"La coperta corta della Svezia."

La coperta comincia a diventare corta anche nella ricca Svezia e molti comuni presi d’assalto da “profughi” di ogni tipo devono scelgono di aiutare gli immigrati piuttosto che i pensionati locali.

Dal primo febbraio di quest`anno la municipalità di Härjedalen ha deciso di fare da apripista e ha decretato che  sacrificherà i propri anziani in favore dei giovani immigrati arabi che stanno ripopolando la zona. Da l`oggi al domani quindi, pane, burro, latte e altri generi di prima necessità che finora erano gratuiti negli ospizi e a domicilio degli anziani indigenti, saranno a pagamento.

Poco importa se queste persone hanno lavorato una vita e pagato tasse finalizzate ad assicurarsi una vecchiaia protetta: adesso, raccontano i giornali locali, “la priorità sono i flussi di migranti” cui occorre dare alloggi (spesso nuovi) e sussidi.

La sinistra che governa Härjedalen ha la pretesa di spacciare questa scelta come “un investimento sul futuro” e spiega che adesso i nuovi arrivati dalle “primavere arabe” sono un costo, ma presto si renderanno utili perché in una società che invecchia queste giovani reclute andranno a lavorare e pagheranno le tasse che serviranno a pagare le pensioni dei “vecchi” svedesi.
 Le stesse fandonie che si raccontavano in Francia e Inghilterra 20 anni fa e si è visto come è finita: chi lavorava lavora e chi si faceva mantenere continua a farsi mantenere.
Intanto i tecnici del comune hanno fatto due conti e hanno stabilito che al momento gli immigrati sono il 6% della popolazione ma che consumano già il 51% dei soldi che in teoria la municipalità dovrebbe utilizzare in servizi sociali destinati a tutti i cittadini.

Auguri Svezia!
källa: mattinonline


 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.