Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 28 luglio 2014

Sia quel che sia

Buongiorno Piccola Città. A me cara, cittadina mediterranea, con quel bel porto importante, la elegante via Centocelle, con i negozi di lusso, poi quelle strette e chiassose del mercato; le palazzine dai colori vivaci con quei balconi traboccanti di gerani rossi. Il sole che batte sulla marina di fronte il mare blù, le pizzerie all’aperto, che la sera ti seducono con l’aroma stuzzicante di pomodorini freschi, basilico e quella crosta meravigliosamente bruciacchiata. Vorrei risentire quella bella parlata laziale e non capirci niente e; mi abbandonerei solo alla magia di quel tono straniero e simpatico. È mia questa città, intimamente mia e il suo richiamo non è tenue, anche a questa distanza affogata nei mari del Nord. Sarebbe bello stamattina entrare da ”Gabriele al Pincio”, ordinare un caffè e dire solamente ”il solito…”, e Lui, che si ricorda tutti ” soliti”. Chi se l’aspettava, non è mica tanto carino sto´chiosco…Ma no, è carino, eccome. Entravo sempre prima di mia madre io, lì a gridare i miei ordini, pistacchio ,nocciola, cioccolata e panna (allora non c’erano ancora mango, cocco, peanut, butter, kiwi) e mia madre confusa alla cassa a contare i pochi spiccioli, impaziente ma felice…Ma sì che ci vengo Piccola Città. Vedrò chi vedrò, chi non ha paura del passato o del futuro, chi possiede ancora le briciole di speranza che in fondo sono tutto ciò che ci collega al desiderio di vivere. 
Vedrò chi capisce veramente ‘sta vita, chi l’afferra, ci si tuffa dentro anche se non è tanto bravo a nuotare, perché senza rischi tutto è incolore e privo di gusto (leggi passione).
Arrivo, Piccola Città, accogli con le tue braccia calde questo figliol prodigo, cittadino del mondo, sbattimi un po’, va bene lo stesso, ti capisco.
Sia quel che sia...!!!



Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.