martedì 27 settembre 2016

TEMPO DI FUNGHI

Ogni anno in Svezia di questi tempi esplode la stagione dei funghi. L`iconfondibile profumo di muschio mischiato a quello di terra bagnata che si sente entrando in un bosco sembra un invito per lunghe passeggiate autunnali. Come dire: “abbinare l`utile al dilettevole.” Quello che vedete è il raccolto di ieri mattina a pensare che volevamo solamente fare una passeggiatina con Chicca!
Molto ricercati tra gli indigini (mi piace chiamarli così…) sono le kantareller (in italiano cantarelli, finferli o gallinelle).
Non molto apprezzati invece i “Karl-Juan.” Letteralmente “Carlo-Giovanni” da noi più volgarmente chiamati Porcini se ne trovano di tutte le speci. Meglio per noi e tanto peggio per loro. Purtroppo non sono un grande esparto di funghi. Così anche se con qualche riserva mi sono dovuto affidare all`esperienza di Labionda. (Speriamo bene…)
Salmone con salsa di funghi cantarelli

 Oggi a pranzo l`immancabile ”risottin” ma anche una svedesissima salsa di funghi da accompagnare al salmone non sarebbe da disprezzare.
Vedremo (disse il cieco…)


Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.