Stranezze

Mettiamo le cose in chiaro: Questo è il mio blog e ci scrivo quello che voglio.Sicuramente appartengo ad una generazione diversa, forse è per questo motivo che mi sento di ragionare in modo diverso; allora tutti i post che leggerete vi sembreranno scritti da un “coglione triste.” Sicuramente in questo blogg, dimostrerò i miei 71 anni, tutti assieme, senza sconti per nessuno. (Parola di nonno Franco.)


giovedì 25 agosto 2016

Katthult, la fattoria di Emil e del suo mondo.


Due anni fa in Svezia a Vimmerby, paese natale di Astrid Lindgren, tre ore e mezza a Sud di Stoccolma, è stata inaugurata una nuova parte del parco di divertimenti  dedicato a Pippi Calzelunghe e agli altri personaggi dei libri della scrittrice, in occasione dei 50 anni dalla prima pubblicazione di "Emil". The Astrid Lindgren's world è un parco magnifico aperto già nel 1981, antidisneyano, con una sua coerenza assolutamente svedese (e dei paesi nordici in generale) nel rispetto totale del mondo dei bambini.
E' stata inaugurata il Katthult, la fattoria di Emil e del suo mondo, su una superficie di 22.000 metri quadrati ricca di querce secolari, abitazioni in legno, campi coltivati e che riproduce perfettamente la vita come era appunto negli anni in cui e' ambientata la storia, in una Svezia rurale, poverissima, nello Småland, la parte meridionale del paese.
Una festa di inaugurazione bellissima, con una compagnia di  attori che hanno messo in scena nel tardo pomeriggio le storie tratte da "Emil", il bambino terribile, con canti e danze, in uno scenario straordinario, nella luce di giugno dell'estate svedese, quando le giornate non finiscono mai.
Una cena sontuosa, ma tutto in stile semplice svedese. 
Un'esperienza magnifica, con ospiti provenienti da tutto il mondo.
C'eravamo anche noi.

by:Redazione Salani

Post in evidenza

10 motivi per venire in Svezia

Perché affrontare tante ore di volo, lasciare il nostro caldo sole, ed andare a prendere freddo nelle regioni del Nord Europa? Non si ...

Ultimi 7 giorni.

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

When the sea tells a story. (Quando il mare racconta una storia.)

When the sea tells a story. (Quando il mare racconta una storia.)
Nipotini (troppo magri) in vacanza

Post più popolari ultimo mese.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.

Tack

Tack
per essere passati da qui.