Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 10 aprile 2015

Sony licenzia ancora e lascia sul terreno 1000 "vittime" al lavoro in Svezia.


Dal 2012 il colosso giapponese ha acquistato la metà della joint venture con il produttore svedese. Ma non è riuscita a tenere botta alla concorrenza di Samsung ed è tornata a focalizzarsi su altri settori. Così per i telefonini Xperia e i dipendenti del gruppo il futuro è sempre più grigio.
*****************
La concorrenza sempre più pesante nel settore dei cellulari lascia migliaia di 'vittime' al lavoro in Svezia, dove Sony si appresta a licenziare circa mille persone. Il colosso dell'elettronica giapponese andrà giù con le forbici nello stabilimento di Lund, nella parte meridionale del Paese scandinavo, dove la sua presenza è in realtà una eredità lasciata dalla Ericsson, ex produttore dei telefonini passato nell'orbita dell'azienda nipponica.
La notizia è stata riportata 4 settimane fa dall'Afp, che l'ha appresa da fonti sindacali. Il dato complessivo dei licenziamenti in arrivo è stato dato lunedì mattina ai dipendenti, senza però precisare alcun calendario della soppressione di posti di lavoro. Di contro, da parte dell'azienda l'agenzia non ha avuto indicazioni per il fatto di non trovare portavoce disponibili a commentare. Il sindacato ha lamentato in una nota la "decisione molto opinabile" da parte di Sony. La divisione Mobile dell'azienda giapponese è come detto in serie difficoltà vista l'abbondante concorrenza nei telefoni cellulari, e il gruppo ha annunciato all'inizio di febbraio che il nuovo obiettivo di tagli in questo settore sarebbe salito a 2.100, contro i 1.000 indicati in precedenza. L'idea di Sony è di far 'dimagrire' del 30% l'organico di una divisione che ha registrato da sola una perdita di 1,2 miliardi di dollari nell'ultimo trimestre del 2014.
Sony aveva acquistato nel 2012 il 50% di Sony-Ericsson detenuta dalla dalla produttrice svedese di attrezzature e device per le telecomunicazioni, Ericsson. Il marchio, noto al pubblico per i suoi telefoni Xperia, non è stato in grado di sfondare sul mercato e di battere la concorrenza della sudcoreana Samsung, che ha dominato il mercato finora ma è stata recentemente travolta anch'essa dai produttori low cost cinesi e dalla forza sempre al massimo di Apple. La strategia dell'azienda del Giappone è ora di concentrarsi su mercati che però sono difficilmente redditizi come la componentistica, i giochi, musica e film, riducendo nel frattempo la sua esposizione alle attività più volatili come i telefoni cellulari e i televisori.
(källa: economia e finanza)

 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.