stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 25 novembre 2011

Quello che le donne italiane non sanno.

L'Italia è un grande Paese produttore di creatività, talento e flessibilità, ma queste risorse non riescono a essere coltivate e incanalate nella direzione auspicabile e utile a creare vantaggi competitivi per il bene collettivo. Ma quando si analizzano queste carenze, si tende una dimensione molto importante: il ruolo ancora marginale che le donne hanno nell'economia e nella leadership del Paese. Il tasso di occupazione femminile italiano è tra i più bassi al mondo.

In Italia non solo le donne lavorano poco, ma quando lo fanno non riescono a raggiungere posizioni di rilievo: la percentuale delle dirigenti d'impresa non raggiunge il 5%. Le lavoratrici italiane percepiscono in media un reddito stimato inferiore, tra il 10% e il 30%, a quello dei lavoratori. Fortunatamente non in tutti i Paesi il ruolo delle donne è marginale, basti volgere lo sguardo alla Svezia che ha sempre avuto un'alta partecipazione delle donne al mercato del lavoro, in cui i tassi di attività e di occupazione femminili superano il 70%.
Perchè questa sostanziale differenza tra Italia e Svezia? I motivi sono molteplici; infatti la parità dei sessi viene spesso intesa come una questione di diritti politici e sociali mentre la politica svedese per l'eguaglianza dei sessi si basa su una forte tradizione a favore della natalità e del sostegno sociale.

In Svezia l'elevata natalità non pregiudica il tasso di occupazione femminile, che anzi si attesta ai vertici delle classifiche europee; la donna sposata è coperta dalla stessa legislazione lavorativa, fiscale e assicurativa degli uomini. Nessun beneficio è accordato alla donna per il suo ruolo di moglie ed inoltre il tasso di disoccupazione delle donne è inferiore a quello degli uomini.
La politica sociale svedese ha riconosciuto da lungo tempo il doppio ruolo della donna come madre e come sostenitrice della famiglia. L'eredità demografica ed economica della politica svedese per l'eguaglianza dei sessi è di particolare importanza in quanto l'Europa deve affrontare la sfida dei tassi di natalità in diminuzione e dell'invecchiamento demografico.

Di massima importanza, è che il tasso di natalità più alto deve essere accompagnato dalla libertà di scelta della donna e che la politica demografica deve riconoscere le donne lavoratrici come "fatto sociale". Questa capacità di aver saputo combinare la politica demografica e il femminismo contribuisce a spiegare il successo ottenuto dalla politica paritaria svedese.





Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.