Chi sono.

La mia foto

Ingegnere della serie "meglio tardi che mai."  Nato in provincia di Roma e sopravvissuto a 50 inverni svedesi, ad un matrimonio, due figli e due nipotini alla veneranda età di "over 70+" anni desidera ancora comunicare riflessioni ed idee, per il bene di tutti.

sabato 5 maggio 2012

Un divano di nome "Klippan"

Ingvar Kamprad
L`altra sera la TV svedese tramite un programma d’inchiesta giornalistica:
Uppdrag granskning (Missione verifica).
Ha lanciato un accusa terribile ai danni della multinazionale IKEA.

l`accusa è stata mossa da due giornalisti svedesi Magnus Svenungsson e Lars-Göran Svensson i quali dopo aver consultato gli archivi della Stasi, hanno  scoperto una collaborazione tra l'azienda svedese e la Repubblica democratica tedesca.
La collaborazione consisteva nell`utilizzo di conndannati ai lavori forzati nella produzione della famosa serie di divani Klippan prodotti negli anni 70-80 nella Germania dell’Est, in quegli anni guarda caso nel Paese comunista venne aperto lo stabilimento di Waldheim. Interessante è la deposizione di un capo dell’ex carcere ha detto che tra le possibilità di lavoro carcerario era anche “prevista la produzione di mobili”.

Il divano "Klippan
Certo l`accusa è pesante, aver utilizzato prigionieri politici come schiavi è sicuramente un bel danno di immagine. Se poi si aggiunge che Ingvar Kamprad, fondatore della multinazionale del mobile fai-da-te, qualche tempo fa, fu aspramente criticato per le sue simpatie filo-naziste:”la frittata è bella e che fatta”

Naturalmente le accuse, sono tutte da verificate.

Ikea sostiene di non essere a conoscenza di questi episodi. e la portavoce Ylva Magnusson si è affrettata a dichiarare "ci piacerebbe molto aprire un dialogo con coloro che si ritengono colpiti dalla vicenda".

Per ora quello è certo sono le dichiarazioni di alcuni ex prigionieri che hanno confermato le condizioni di duro lavoro cui erano sottoposti nelle fabbriche Ikea della Repubblica democratica tedesca
Staremo a vedere…!!!  


                     


Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.