stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 20 aprile 2012

La bambina con la neve tra i capelli.


Ninni Schulman è una giornalista del quotidiano della sera ”Expressen” di Stoccolma nel 2010 ha debbuttato con un thriller dal titolo ”La bambina con la neve tra i capelli” ("Flickan med snö i håret").Edito in Italia da Sperling & Kupfer e tradotto da Nerito R.

A me è piaciuto molto e mi pare che si inserisca abbastanza bene nel prolifico filone letterario della giallistica svedese che annovera tra i suoi membri scrittori che hanno ormai raggiunto una fama internazionale.

Ninni Schulman
La giornalista Magdalena Hansson, trent’anni, giornalista, un divorzio e troppi errori alle spalle lascia Stoccolma per sfuggire da se stessa ritorna al paesino dove è nata, ad Hagfors, nella contea del Värmland. Paese dove da sempre regna la pace e la tranquillità. Purtroppo la serenità del paesino viene interrotta la sera di san Silvestro quando  una ragazzina, Hedda, esce da casa per non farvi più ritorno. Stranamente in paese nessuno reclama il corpo della ragazzina. Come se fosse venuta dal nulla per poi sparire nel nulla. 

Che la neve nasconde sempre un segreto: lo sanno tutti a Hagfors e lo sa anche Magdalena e lo sanno Petra Wilander e Christer Berglund, poliziotti, che conoscono i mali di Hagfors meglio di chiunque altro. A interessarsi al caso è solo Magdalena: sarà lei, insieme a Petra e Christer, a scoprire il legame tra l’omicidio e un traffico di giovani prostitute. E a svelare l’atroce segreto di Hedda.
Insomma comprate il libro e Buona notte.


Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.