Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 14 dicembre 2014

Terza domenica d`avvento e folletti svedesi

La Svezia ha una tradizione tutta sua per il Natale, quella dei folletti, estremamente sentita e particolarmente cara ai bambini. Se vi capita di trovarvi in Svezia nel periodo natalizio, troverete folletti ovunque, nelle case, nei negozi, nei luoghi pubblici, in forma di decorazioni più o meno sofisticate, nelle canzoni, nei libri illustrati, perfino nelle serie televisive per famiglie… Ma chi sono esattamente questi folletti e da dove vengono?

Il Nisse (come si chiama in danese e norvegese) o Tomte (come lo chiamano in svedese) viene da lontano e originariamente non ha nulla a che vedere con il Natale. Compare in illustrazioni e cronache fin dal tardo Medioevo, come una sorta di divinità protettrice della casa, o meglio della fattoria, perché è nel folklore contadino che ha inizio la sua storia. Il suo nome svedese, infatti, lo lega al “luogo” in cui risiede e opera, mentre quello danese-norvegese è in realtà un nome proprio, derivato da “Niels”. Non sempre simpatico, spesso vendicativo, a volte tirato in causa nei processi contro le streghe come un vero e proprio demone, il Nisse delle origini è un personaggio in chiaroscuro. Talvolta può prendere la forma di un animale, come un cane, una capra o un’oca, ma più spesso è raffigurato come un vecchio dall’altezza di un bambino, vestito di grigio con un cappello rosso a punta, come i contadini dell’epoca! Il Nisse si prende cura degli animali della fattoria e provvede affinché tutto vada per il meglio, ma è anche permaloso e, se rimane insoddisfatto, può combinarne di tutti i colori… in genere per tenerlo a bada basta lasciare una scodella di pappa di riso e latte in soffitta (o dove il folletto di casa ha la sua dimora): è il piatto preferito di ogni Nisse!
La prossima volta che nasco voglio essere un Tomte anch’io!
Loro non hanno mai freddo, anche quando fuori c’è tanta neve … e sono amici di tutti gli animali del bosco. Sì, anche dei ragni, dei lombrichi e delle formiche. Tomtefar (papà tomte) di solito ha la barba bianca ed ha tanto da fare perché deve andare a tagliare la legna nel bosco. Tomtemor (mamma tomte) è un po’ grassottella e prepara delle buonissime marmellate.
E solo i bambini (a volte) riescono a vederli. Ma vanno trattati con riguardo perchè altrimenti si arrabbiano e possono diventare anche un po’ antipatici e dispettosi.
källor: Bilingue per gioco e Diario nordico

Bene, ho divagato un po’ e mi sono lasciato prendere la mano …. dai Tomte!
Non vi dimenticate di accendere la terza candela d`avvento.
E buona domenica a tutti da nonno Franco


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.