Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 24 novembre 2015

"Vergogna Europa"

È una Åsa Romson (vice primo ministro dello stato) in lacrime quella che oggi ha dovuto suo malgrado annunciare in conferenza stampa le ”restrizioni” decise dal governo svedese riguardo ”le politiche per i profughi”  le restrizioni sono diverse e particolarmente dure. Ma il succo della conferenza è che la Svezia in pratica chiude le frontiere per i richiedenti asilo.
Che strana senzazione noi che in Svezia abbiamo accolto il maggior numero di profughi pro-capite nella zona UE in un pomeriggio triste e buio di Novembre appendiamo un cartello sul ponte di Öresund con la scritta ”Esaurito”. Sono sicuro che molti vorrebbero fare di più, aiutarli, molto ma molto di più di quello che è stato fatto fino ad oggi e tra questi ci sono anch`io. Ma viviamo in tempi bui e la stragrande maggioranza dei paesi europei non si è presa nessun tipo di responsabilità al contrario hanno risposto con la paura del pregiudizio innalzato muri e fili spinati. Chissà forse dopo la drastica decisione presa oggi dal governo di Stoccolma qualcuno di loro si sveglierá più a miti consigli...? Una cosa è certa queste persone da qualche parte dovranno pure andare. Io ne dubito, Ma dobbiamo sperare. 
Che la Svezia si trovi in una situazione di emergenza non lo nega nessuno ma quello che mi fa ben sperare è che propio in momenti difficili come questi che questo popolo trova la forza necessaria per stare unito al fianco delle autorità e dei politici che hanno scelto in nome della democrazia. 
Ci sarebba molto da dire invece sulle scelte fatte dall`EU in questo storico momento di totale abbandono se non fosse che  per molti di loro c`è solamente una parola spendibile: VERGOGNA.
Una VERGOGNA storica. Due settimane fa lo srittore greco/svedese Theodor Kallifatides ebbe modo di dire:
Io non capisco bene come mai la tragedia dei profughi a cui stiamo assistendo è discussa come un grandissimo problema per tutti noi e non di chi la sta realmente vivendo.” 

Oggi queste parole aggiuncono ancora una dimensione. PURTROPPO.




Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.