stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 16 dicembre 2015

EVVIVA


Evviva! Si lo so vi immaginate la Svezia come le sue cartoline tradizionali, con folletti e gnomi nei boschi e noi con le slitte posteggiate fuori la porta di casa i bambini tutti belli sorridenti infagottati in pesanti tute “spaziali” e sciarpette rosse al vento, le guanciotte rosse, che giocano felici e spensierati sulla pura soffice neve che copre dolcemente la natura assopita. 
Ma scherziamo...?  Diciamo invece auto congelate e seppellite sotto neve, freddo boia, impossibile recarsi fuori a meno che hai una 4x4  (io non ce l'ho) tutto il giorno a spalare il “soffice” manto che poi pesa un quintale e ti spacca la schiena. Avete capito, questo Natale privo di neve mi riempie di gioia e di buona volontà molto di più delle canzoni natalizie di Bing Crosby. 
Natale a Stoccolma. Questa mattina in giro per le strade scintillanti di luci le vetrine di NK che diventano teatrini ovunque filodiffusione di dolci melodie natalizie, voci angeliche, folle impazientemente gioiose, anche un bel caffé alla "espresso house" accompagnato da l`immancabile "pepparkaka." Biscotti di panpepato, meravigliosi e allegri, capaci  con il loro profumo di tenere legate in me memorie della mia magnifica terra adottiva.

Ancora auguri miei cari lettori. Che questo Natale ovunque voi siate vi porti tanta serenità accanto ai vostri cari. Che è l’unica cosa che conta in fondo.

GOD JUL! A voi tutti, con l’affetto malinconico di questo vecchio nonno italiano in Svezia.



Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.