Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 13 dicembre 2015

Il 13 Dicembre, "Santa Lucia"


Oggi è il 13 dicembre e in Svezia non é un giorno come tutti gli altri: é santa Lucia, grande festa in tutto il paese. I piccoli vikinghi (che ancora non sanno che da adulti passeranno il resto della loro vita in cucina) hanno passato la settimana a preparare la festa di Santa Lucia per le sorelline maggiori, inpastando ”lucia bullar” paste allo zafferano e ”pepparkakor” biscotti di zenzero, i quali verranno distribuiti nella mattina del 13 dicembre dalle sorelline maggiori che invece hanno passato l`ultima settimana a provare lunghi camicioni bianchi, cercando di camminare con la massima dignità
possibile con in testa una corona di candele accese e, questa mattina molto presto e tanto, tanto assonnate alle sei del mattino serviranno la colazione a letto ai malcapitati genitori, ammetto anch`io ho dovuto subire per anni questo martirio, tutta colpa di un”coglione”di Re svedese che verso la metà del ’700 introdusse questa tradizione che prevedeva appunto che la figlia maggiore vestisse i panni di Lucia e servisse la colazione a letto a lui e la regina. (beati loro…) 
“lucia bullar” quelle preparate dai maschietti.
Così oggi sfileranno cortei in ogni casa, scuola, ospedale, fabbrica, ufficio dove Lucia sarà seguita da damigelle e paggetti che indosseranno vesti bianche e cappelli con stelle dorate. Il corteo sarà seguito da bambini vestiti come folletti che canteranno le canzoni tradizionali natalizie e illumineranno l’oscurità con le loro candele. Insomma in ogni posto ci sarà una santa Lucia, che offrirà caffé e “lucia bullar” quelle preparate dai maschietti.
Devo precisare però, che dall’inizio questa ricorrenza era pagana, la notte fra il 12 e il 13 dicembre rappresentava la notte più lunga, buia e fredda dell'anno. Si racconta che fosse una notte pericolosa in cui gli animali parlavano e succedevano cose soprannaturali. La mattina dopo quindi tutti avevano bisogno di una colazione ricca. Dopo questo giorno iniziava il digiuno prima di Natale. Con la diffusione del Cristianesimo in Svezia a questo giorno fu associato il nome di Lucia, che etimologicamente simboleggia la luce. Così guarda caso, essendo gli svedesi ”molto democratici…” veniva eletta sempre una bionda, con la scusa che rappresentava meglio la luce, fregandonese altamente che Lucia era siciliana e sicuramente anche una bella morettina, 
(capito che furbacchioni...?) 
Però, che ingenui sti`svedesi non avevano previsto la massiccia immigrazione dall`Italia degli anni 60, così in un freddo dicembre di tanti,tanti anni fa in una scuola elementare di Stoccolma, eccezionalmente, fu eletta come Lucia, una bambina dai lunghi capelli castani.
Ricordo come se fosse ieri: ”Povera bambina mia” in quel tempo lontano si usavano ancora candele vere tanto che dovette sfilare per tutto il tempo con un asciugamano bagnato sulla testa per evitare che la cera bollente colasse sui lunghi capelli "eccezionalmente" castani, con coseguenze da ”pronto soccorso.”
Ieri sera ero a casa sua e mentre provava la corona per sua figlia, mi ha guardato fisso negli occhi e, con un sorriso tutto mediterraneo mi ha detto:”Papà, meno male che hanno inventato le lampadine alimentate a batteria!!”

Buon Santa Lucia a tutti...!! (...e guardate il video qui sotto anche il grande Albertone rimase coinvolto in questa strana usanza di festa.) 


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.