Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 11 dicembre 2015

"Tante biscuttine de Natale” e litri di Glögg Svedese


Oggi vi propongo la ricetta natalizia del Glögg che altro non è che una variante del nostro "vin brulè" ma molto, molto più buono. Dunque anche se gli autoctoni lo accompagnano sempre con biscottini allo zenzero vi assicuro che è buonissimo con:"Le biscuttine de Natale" e quì il dialetto civitavecchiese si impone.
"Le biscuttine de Natale di Civitavecchia"
Però prima vi devo spiegare che le festività natalizie in Svezia sono un vero miscuglio di riti pagani, feste della tradizione vichinga, liturgie cristiane, folkloristici folletti del bosco e sante siciliane come santa Lucia, tutto questo per rendere un”tantinello” più vivibile il ”Re inverno” che a queste latitudini è di sicuro la stagione dalle giornate che, dipendesse dal sole, non comincerebbero mai davvero: passi dal buio a una cosa che non sai bene come chiamare perché non ha ancora finito di essere alba ed è già tramonto. Ma, nell'atmosfera vagamente irreale delle giornate in cui a mezzogiorno le ombre si proiettano lunghissime sulla neve come se anche loro volessero scappare verso latitudini più calde, l'atmosfera al contrario è allegra, calda e accogliente. Lo si capisce quando, entrando nelle caffetterie e nei ristoranti illuminati da candele e allestiti con ghirlande e decorazioni natalizie, viene subito la voglia di togliersi la sciarpa e cappello e guardare al calduccio la neve che scende, e magari ordinare una bella tazza fumante di glögg. Cos`è il glögg? È l’equivalente del nostro vin brulé. Vino caldo aromatizzato alla cannella, zafferano, chiodi di garofano, che da queste parti si beve con aggiunta di mandorle e uvetta.
Allora ”tante biscuttine de Natale” e litri di glögg svedese.
Eccovi la ricetta e buon glögg a tutti.
*******************
Ricetta per 1,5 litri
Ingredienti:
1 bottiglia di vino rosso (750ml)
0.5 l brandy economico (possono anche essere usate l’acquavite svedese o la vodka aromatizzata al cumino, celebre in Scandinavia)
10 baccelli di cardamomo
1 bastoncino di cannella
1/2 scorza d’arancia
220 gr zucchero
Chiodi di garofano, uvetta, mandorle, fichi secchi (opzionale)
Uvetta o mandorle (per decorare)

*****
Preparazione:
Scaldare in una pentola il vino, il brandy, le spezie e la frutta (è possibile aggiungere ingredienti a piacimento), assicurandosi che la miscela non bolla. Far cuocere a fuoco lento per 45 minuti. Scolare.

Come servire:
 Servire il glögg caldo su cubetti di zucchero (da degustare) in piccole tazze da caffè o in piccole tazze con design svedese, indicate per la bevanda. È possibile aggiungere del brandy e decorare con uvetta o mandorle.
Il glögg imbottigliato può essere conservato in un luogo buio e fresco fino a un anno. L’invecchiamento migliora il sapore. Per una versione analcolica, è possibile utilizzare acqua o succo di arancia al posto del brandy e succo d’uva al posto del vino.
nonno Franco  a Stoccolma

 

Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.