sabato 16 gennaio 2016

”Na`speranziella e sole”


Non ci credo.  È troppo bello. Questo è quello chi ho visto stamattina da casa mia.  
È uscita: ”Na`speranziella e sole” in questo gennaio Stoccolmese..! -15 gradi sotto zero, un raggio di sole misterioso sul lago Mälaren, una brezza scandinava (da farsela addosso…)
Finalmente il cappuccio calato sugli occhi non è più un optional. Spero e prego che duri a lungo.
Questo sì che è un inverno che non induce alla tristezza e alla depressione. E poi, per non ripetere il capitombolo dell`anno scorso per tenermi in equilibrio sul ghiaccio tirato a specchio sotto le scarpe oramai porto i broddar (artigli da mettere sotto le scarpre) con punte affilate a stiletto!
Insomma il Paradiso.
Buon inverno sotto-zero a voi tutti cari amici!

*****


Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.