stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

Post in evidenza

"Nostalgia di castagne"

Voglia di caldarroste, nastalgia di casa, chiamatela come volete, ma a me in questa domenica novembrina freddina e cortissima (qu...

sabato 1 novembre 2014

“Ognissanti non mio”

In Svezia, Halloween, la notte dei morti, non si festeggia il 31 ottobre, ma il primo sabato di novembre, che quest'anno cade il 5 novembre. (Oggi)
Il giorno di Ognissanti in Svezia in realtà non è più sentito che altrove, certo non più che nella cattolicissima Penisola, e le usanze tramandate fino ad oggi non particolarmente originali, ma questo paese nordico offre un clima e dei paesaggi che rendono i semplici rituali particolarmente suggestivi. Con pochisseme zucche e molti aghi di pino e candele. Halloween? Niente, ma notte delle tenebre che è la notte dedicata al regno dei morti ed è il primo sabato di novembre, che quest’anno cade il 2.
In questa data vengono ricordati i morti e la tradizione vuole che dopo il tramonto le persone vadano nei cimiteri a deporre ghirlande fatte di pino e candele.
Particolarmente suggestivo è il cimitero di Skogskyrkogården (che significa il cimitero nel Bosco), cimitero progettato dall’architetto Gunnar Asplund nel 1917, che, dal 1994 è patrimonio mondiale dell’Unesco per la sua particolarità: il cimitero è circondato da un bosco di pini esteso per 100 ettari,con le lapidi disposte ai piedi degli alberi.
A Skogkyrkogården si riuniscono migliaia di persone che lasciano le loro candele e si fermano in raccoglimento a ricordare i loro cari. Se passate a queste latitudini non dimenticate di visitare la tomba della Divina, Greta Garbo, stoccolmese di nascita: sulla sua lapide solo la sua firma, nessuna data e nessun epitaffio. Anche lei sepolta all'interno di questo bosco, che sfrutta la natura religiosa del luogo come una risorsa naturale, il cimitero si fa testimone del passaggio dall'estate all'inverno, collocato, secondo l'antica cultura contadina svedese, proprio a cavallo di Ognissanti.
E voi in Italia? Forse vi siete adattati a quello che chiede il mercato…?? Speriamo di NO! Certo ci siamo abituati a film sulle streghe o ai prodotti americani in cui i bambini girano per le villette prefabbricate per bussare alle porte e chiedere Dolcetto o Scherzetto? Così com’è normale vedere l’organizzazione di enormi party a tema, con tanto di streghette appese al soffitto e meravigliose zucche intagliate fuori dalla porta. La verità però è che questa festa non fa parte di noi, non è cosa nostra. E non lo dico per voglia di criticare. Ciò non vuol dire non trovare una scusa per non festeggiare Halloween che comunque in italia potrebbe essere associata alla festa romana della dea dei frutti e dei semi, Pomona, o alla Parentalia,l`antica festa dei morti ed allora perchè non riunirsi con gli amici per una cena a tema con un risottino alla pescatora annaffiato con prosecco e sambuchino finale con la mosca??
da Diario Nordico
E tante,tante fave da morto. Divertitevi, senza scimmiottare troppo, ma a nostro modo e con una certa semplicità.

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.