Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 11 maggio 2010

Jean Edith Camilla Läckberg:La signora in giallo che parla svedese…!

 

Lo strepitoso successo internazionale dei polizieschi svedesi è uno dei fenomeni letterari più intriganti degli ultimi decenni. Edizioni in tutte le lingue, milioni di copie vendute, trasposizioni cinematografiche: i gialli made in Scandinavia non cessano di stupire e rischiano di scalzare la tradizione anglosassone nel cuore dei fan del genere.

Nell' ormai lungo elenco di autori che hanno conquistato i lettori italiani, non faticherà a trovare spazio Camilla Läckberg, vi consiglio di leggere La principessa di ghiaccio, primo di una fortunata serie di romanzi accolti con entusiasmo da pubblico e critica (un giornale ha addirittura parlato della «nuova Agatha Christie svedese»).



Tanta enfasi potrebbe alimentare qualche dubbio: nuovo grande talento o abile operazione pubblicitaria (fra l' altro l' autrice, prima di dedicarsi totalmente alla letteratura, ha lavorato a lungo nel marketing)? Basta tuttavia leggere qualche pagina per vincere lo scetticismo: una volta infilato il naso nel romanzo non lo si molla più. Per spiegare il fascino esercitato da questi evocatori di incubi nordici, si sono spesso evocate le atmosfere gotiche, le inquietudini claustrofobiche delle interminabili notti invernali, l' efferatezza di delitti maturati nella solitudine e nel silenzio.

Tutto vero, ma la Läckberg sembra capace di far risuonare qualche corda in più: a parte lo straordinario lavoro di introspezione con cui disegna il carattere dei vari personaggi (anche di quelli che occupano ruoli marginali nell' intreccio narrativo), il suo talento consiste soprattutto nel saperci restituire uno straordinario spaccato della società svedese: pregiudizi, odi di classe appena mascherati dalle convenzioni, l' arroganza del potere che si accompagna al più insignificante dei ruoli istituzionali, la pruderie che affiora dietro all' apparente libertà delle relazioni sessuali e molto altro ancora. Emozioni e sentimenti nascosti e violenti a un tempo, che si fanno ancora più nascosti e violenti quando allignano in un paesino come Fjällbacka, pieno di turisti d' estate, abitato da un pugno di pescatori d' inverno.

Lo impara a sue spese Erica Falck, scrittrice tornata nella casa dei genitori dopo la loro tragica morte dovuta a un incidente d' auto e coinvolta, prima suo malgrado poi sempre più attivamente, nell' indagine che un poliziotto locale, Patrik Hedström, sta conducendo sull' assassinio di colei che era stata la più grande amica della sua infanzia. Per venire a capo di una matassa che si fa più intricata a ogni pagina, i due - che scoprono nel frattempo di provare una forte attrazione reciproca - dovranno sudare le proverbiali sette camicie, ma soprattutto dovranno sfondare un muro quasi impenetrabile di bugie e reticenze. Posted by Picasa

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.