stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 19 marzo 2013

"La favola del modello scandinavo"


Nel resto d'Europa si parla molto del "modello scandinavo". Nella realtà la Svezia, che e stata all'avanguardia in tanti aspetti dello stato sociale, adesso non fa che perdere terreno rispetto al resto delle nazioni europee. Il welfare svedese è sceso al di sotto di quello tedesco, la disoccupazione aumenta, sulle strade sempre più sconnesse circolano automobili sempre più vecchie.

Svezia, Finlandia e Danimarca. Ciò che oggi caratterizza questi paesi è un alto livello di flessibilità del lavoro, un po' come in Inghilterra, ed un alto livello di protezione sociale, come quella ancora in vigore nell'Europa continentale.

Un modello scandinavo noto in Italia

In particolare nella sua versione svedese, il modello scandinavo è un'applicazione fedele dell'antico sistema di controllo bancario veneziano. A partire dal 1933 questo sistema ha messo radici profonde sotto il governo praticamente ininterrotto della socialdemocrazia strettamente alleata alla principale famiglia bancaria, i Wallenberg, che allora dominava varie fazioni industriali che erano decisamente forti ed importanti.

A quell'epoca le forze della Sinarchia riuscirono ad imporre la loro politica riorganizzando la società in chiave nettamente corporativista. Questa è la base del sistema che fu varato da Mussolini in Italia, il fascismo, ed è una forma di falso potere al popolo. Il fascismo utilizzava le varie associazioni popolari controllati dall'apparato statale come strumenti per dominare il paese. In tal modo il partito fascista poteva pretendere di avere una sua base popolare, raccolta nelle diverse organizzazioni che ne avallavano le decisioni, che copartecipavano, e diventavano corresponsabili delle decisioni anti-popolari del governo. I banchieri si facevano sentire attraverso i propri esponenti in parlamento, nelle amministrazioni e soprattutto nel governo, contanto su esponenti di spicco come Volpi di Misurata.

In Svezia i socialdemocratici, il partito degli agricoltori e le forze finanziarie attorno ai Wallenberg controllano corporativisticamente lo stato, compreso il monopolio statale su radio e televisione, tramite le numerose associazioni popolari di lavoratori, agricoltori, impiegati, consumatori, donne, giovani, ecc. Mentre il parlamento è sempre eletto dal voto diretto dei cittadini, in pratica è diventato ostaggio delle decisioni prese dal concerto delle organizzazioni che egemonizzano gli enti di governo e l'amministrazione pubblica. In Svezia sono quasi assenti le NGO (Organizzazioni non governative). Quelle esistenti sono collegate allo stato o alle strutture corporativiste che lo controllano. 

Quindi esistono le GONGO: Government-operated non-governmental organization. (Organizzazioni non governative orientate dal governo). Rappresentano lo stato di fatto e nel contesto della generale gestione corporativista della società sono soggette all'influenza diretta dei banchieri, della politica oligarchica. Quest'alleanza tra istituzioni di potere e le principali forze finanziarie è stata appropriatamente bollata da Lyndon LaRouche come un movimento fascista dal volto democratico.
Mentre i regimi di Mussolini, di Hitler e di Franco sono stati spazzati via, questo sistema corporativista è sopravvissuto in Svezia fino ai nostri giorni.
Ad esempio, tutto il mercato del lavoro è ancora governato dagli accordi tra queste forze corporativiste e non dalla legge approvata dalle procedure democratiche di un parlamento ed un governo. Persino l'apparato giudiziario che si occupa delle dispute riguardanti il mercato del lavoro è gestito da queste organizzazioni/corporazioni del mercato del lavoro. L'associazione dei datori di lavoro è controllata dalle imprese dell'export dominate dai Wallenbereg e i sindacati sono dominati dalla socialdemocrazia. 

Questo significa che chi non è da essi rappresentato, come le piccole e medie imprese e i disoccupati, non ha in pratica alcuna voce in capitolo.

Disoccupazione reale al 18%-20%

La disoccupazione reale è diventata l'elefante nel salotto che si pretende di non vedere. La disoccupazione continua a crescere al di sopra della soglia del 4% al di sotto della quale il governo si era impegnato a mantenerla. Il mercato del lavoro in Svezia ha perso circa 19.000 posti solo nello scorso anno, a febraio 2013 secondo l`arbetsförmedlingen ( ufficio di collocamento ) la disoccopazione era al 8,5%, per un totale di 427 000 lavoratori. È significativo che metà dei lavoratori e delle lavoratrici sono nella fascia d'età compresa tra i 15 e i 24 anni. ( il 24,5% sono senza lavoro)
Gli sforzi per ridurre la disoccupazione con la globalizzazione dei banchieri, con la speculazione, con l'austerità e con la politica del post-industriale si limitano ad intervenire sulle cifre da rendere pubbliche ma non creano, anzi distruggono i posti di lavoro reali. Ci sono i tanti programmi di lavoro inutili o quasi, di addestramento, di riqualificazione, di prolungamento degli studi, di prolungamento delle assenze per malattia e di pensionamento anticipato attraverso i quali si riesce a contenere le cifre della disoccupazione ufficialmente ammessa. Sono tanti i giovani, gli immigrati e i lavoratori indipendenti che non vengono mai registrati nella forza lavoro, i giovani rimangono in famiglia e gli altri vivono di assistenza sociale e qualche risparmio.
Jan Edling

Jan Edling, economista del LO, dopo cinque anni di studi scrisse un rapporto in cui si la disoccupazione reale si calcolava tra il 20 ed il 25 per cento. Era troppo e la confederazione sindacale censurò il rapporto. Endling si è dimesso ed ha poi rivelato l'intera storia.

Il modello scandinavo per l'Europa

Ciò che in Europa viene propagandato come il modello svedese in realtà è ciò che il prof. Lars Calmfors propose per la Germania nell'articolo "Apprendere dalla Scandinavia", pubblicato nell'edizione tedesca del Financial Times il 26 giugno 2004.

Applicato in forma meno rigorosa anche negli altri paesi scandinavi, il modello Svedese non interviene sui livelli salariali ma controlla e manipola piuttosto i livelli di vita attraverso l'intervento dello stato. Se un aumento salariale ottenuto nella trattativa sembra troppo elevato, lo stato può tagliarlo con gli interventi statali, che vanno dall'aumento delle tasse, ai vari ticket sui servizi sociali, o al rinvio di riforme. Gli altri strumenti usati per tagliare i salari sono le svalutazioni monetarie e l'aumento dell'inflazione. 

L'intero mercato del lavoro corporativista è controllato così capillarmente che si riesce persino a far aumentare il tenore di vita nei mesi che precedono le elezioni e a ridurlo poi nei mesi successivi. Di conseguenza tutti gli svedesi hanno dovuto imparare a riconoscere le differenze tra i salari nominali e il reddito reale.
Continua...
Källa: un articolo di Ulf Sandmark (editerat av Franco Fazio)

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.