Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 8 maggio 2012

Il codino del ministro

Il governo Monti farebbe bene ad assumere Anders Borg come consulente se non altro perchè anche Borg è un “tecnico”.


Infatti Il ministro delle finanze svedesi non era stato eletto, quando Reinfeldt nel 2003, assunta la guida del partito (allora all'opposizione) ne fece di fatto il suo braccio destro. Borg era solamente un economista di belle speranze, poco più che trentenne inpiegato alla banca centrale. Oggi è il più bravo ministro dell'Economia di tutta Europa secondo la classifica stilata dal Financial Times.

Nell`ultimo Consiglio dei ministri economici e finanziari dell’Ue (Ecofin) tenutosi qualche tempo fa in Polonia,ha avuto anche parole nei confronti dell`Italia in sostanza ha detto: ll debito dell’Italia “è piuttosto rilevante e prima di adottare nuove misure l`Italia ha parecchio lavoro da fare nel mettere in pratica quelle già annunciate”.Ha finito rincarando la dose: “Ciò ridarebbe credibilità all’Italia”.

Ma chi è...? Questo ragazzone svedese di43 anni femminista dichiarato, con l’orecchino e la coda di cavallo trattenuta da un elastico, che in gioventù si è battuto per la liberalizzazione delle droghe,ed anche se ha frequentato l’università (incredibile ma vero) non si è mai laureato.
Un anticonformista direte voi…! Macchè io dico: un uomo deciso e dall’innegabile carisma, amplificato da un grande talento. E ha il merito di aver individuato in anticipo la necessità di rafforzare le banche (il fiuto per la finanza è ben visto dai mercati) e di aver spiegato, con tatto, ai colleghi che cosa il resto d'Europa poteva imparare dalla crisi svedese negli anni '90. È lui che coniò lo slogan «il nostro è il vero governo delle classi lavoratrici», facendo prendere un “colpo” ai socialisti. Ed è sempre lui che ha abbassato le aliquote a tutti, specialmente alla popolazione con reddito basso. 

L’effetto è stato quasi un mese di salario in più,(sia per i “poveri” che per i “ricchi”),non finite come prima alle casse statali ma rimasto a chi lavora. Quindi meno tasse,meno previlegi e lotta alla disoccupazione.
Con questa ricetta, Anders Borg è riuscito a raggiungere il pareggio di bilancio . Che poi abbia poco più di quarant’anni ovviamente, è solo un dettaglio.

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.