Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 27 settembre 2013

Svezia vs. Italia: "Crisi economica e criminalità"

Differenze tra Svezia e Italia, viste con l`ottica di uno svedese.

Tomas Lappalainen, 55 anni, giornalista, scrittore, storico e saggista, è il massimo esperto svedese di criminalità organizzata italiana ed è l’uomo che ha fatto conoscere il fenomeno della camorra napoletana alla Svezia. Autore di cinque best seller sulle mafie, tra i quali Italien e Maffia, Lappalainen spiega perché la correlazione tra attività criminali e crisi economica non trova terreno fertile in Svezia, cosa che invece avviene in Italia”.L’Italia – spiega lo scrittore - soffre di una cronica mancanza di ‘solidarietà’ statuale: vale a dire una situazione in cui da sempre le identità comunali, le cricche oligarchiche, i clan, i movimenti politici e la famiglia erano gli unici ambiti in cui si esprimeva la vera identità degli italiani”. Lappalainen individua 5 anomalie tutte italiane, a partire da quella della lingua. Ecco perché , dice lo storico che ha anche scritto l’introduzione al libro Gomorra per il pubblico svedese , “siamo due Paesi agli antipodi”.
Tomas Lappalainen,
Parliamo di crisi economica e criminalità organizzata: la Svezia è davvero impermeabile al contagio dei capitali mafiosi?
E’ vero che oggi i capitali circolano con facilità per il mondo ed è un fatto che ovunque si trovi capitale che ha un’origine in attività criminali. Ma c’è una distinzione importante da fare tra capitale criminale che entra in un’economia legale, e capitale mafioso che penetra in un’economia illegale: i Paesi scandinavi, e la Svezia in particolare, sono società fortemente legali e solidali. La fiducia fra cittadini e Stato è reciproca. E questo fa sì che il rischio di una ‘penetrazione mafiosa’ nella nostra società sia abbastanza ridotto. 
Sono convinto che la mafia come sistema di controllo territoriale ha come presupposto la debolezza della fiducia nello Stato.

Non teme che la crisi economica possa avere ripercussioni negative anche  da voi?
La crisi ancora non ha colpito la Svezia con forza, tra l'altro perché siamo fuori dall’euro, ma una seria e perdurante crisi economica ha senz’altro la capacità di ridurre la legittimità del sistema statale, anche se una buona parte di questa legittimità in Svezia ha radici storiche profonde. Insomma, alla lunga anche noi non siamo immortali: ad esempio stiamo iniziando a perdere molto del welfare State degli anni ’70. Il liberismo è penetrato anche qui. Oggi in Svezia lo Stato sociale è un po’ meno efficiente e costa molto, ma ancora esiste. A nessuno verrebbe in mente di evadere le tasse anche se qui sono tra le più alte d’Europa. Ma, per esempio, è il lavoratore che può scegliere se pagare o meno l’assicurazione per la malattia e qualcuno sta decidendo di non farlo.

Siamo davvero così diversi noi italiani e voi svedesi?
La Svezia è lontanissima dall’Italia! E questa profonda differenza sta alla base della riflessione su che cos’è una nazione: è una creazione culturale immensa, è un processo, e si costruisce col tempo. Noi svedesi siamo nazionalizzati: c’è stato un percorso di 500 anni in cui siamo diventati ‘svedesi’. L’Italia esiste da soli 150 anni e una serie di circostanze o anomalie, hanno reso più complicata la sua unificazione. E’ veramente difficile prendere spunto dalla Svezia. Non perché siamo migliori: io adoro e ammiro l’Italia, passo mesi interi in Campania e in Sicilia. Ma ci sono dati inequivocabili: un fatto importante è che ad esempio la classe operaia da noi è fortemente organizzata sindacalmente. Il sindacato ha ancora un valore, è una questione strutturale. Che dà forza dal basso. C’è ancora una resistenza nei confronti della perdita di diritti acquisiti.
Preserva la Svezia svedese
In Svezia però si sta accentuando una corrente xenofoba e razzista…
Io non sono allarmato per quanto riguarda la situazione svedese circa l’affermarsi di una destra ‘xenofoba’. Ma sono strutturalmente allarmato davanti alla situazione europea in generale, perché questo fallimento dell’euro porta con sé una situazione economica pericolosa. Una quantità enorme di persone rischia di non trovare più lavoro e questo favorisce l’espandersi di partiti di estrema destra. Comunque anche il successo elettorale della destra svedese ha a che fare con una perdita di diritti e con il calo dell’occupazione: un gruppo crescente di persone è marginalizzato, si trova fuori dal mercato del lavoro e si ritrova a competere con gli immigrati. Il successo elettorale della destra piuttosto estrema fa parte di una reazione negativa quando si ha paura… 

Quali sono le anomalie tutte italiane?
Io ne ho individuate cinque: la questione della lingua, la questione romana, quella meridionale, nazionale e infine la questione dello Stato. E una delle differenze più grandi con la Svezia è che l’Italia ha sofferto una cronica mancanza di ‘solidarietà’: vale a dire una situazione in cui le identità comunali, le cricche oligarchiche, i clan, i movimenti politici e la famiglia erano gli unici ambiti in cui si esprimeva la vera solidarietà degli italiani. L’Italia meridionale in particolare ha un problema con il senso di Stato. C’è l’attitudine negativa verso lo Stato. L’Italia è semmai campanilista ma non nazionalista.

La Svezia è però una monarchia costituzionale. Questo non incide sul vostro livello di democrazia?
Sì certamente: sono convinto che perdiamo spirito democratico con la monarchia! La nostra base è elitaria. Perdiamo molti nostri diritti per il fatto di avere una monarchia che ha acquisito privilegi ‘per nascita’. Esattamente come le caste da voi. Però sono anche convinto che voi abbiate un dibattito pubblico più acceso e stimolante su molti argomenti di interesse nazionale.
Se lo dice lui ci sarà da credergli...!!!
källa: lindro.it


Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.