Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 21 marzo 2014

Quick – lo strano caso di un serial killer svedese

Oggi, è' tornato in libertà il serial killer bugiardo che aveva a lungo terrorizzato la Svezia. Sture Bergwall alias Thomas Quick - questo il "nome d'arte" che si era attribuito - torna libero, all'età di 63 anni.   dagli anni novanta era il «mostro», il più grande serial killer della storia della Scandinavia.

Ma aveva inventato tutto. Aveva confessato di aver ucciso trenta persone, tra cui alcuni ragazzini, ma è stato appurato come non vi fosse nulla di vero. E' stato liberato.

Bergwall, malato di mente, era incredibilmente riuscito a convincere tutti: procuratori, medici, avvocati, giornalisti. Non proprio tutti, però.
Hannes Rastam, un giornalista investigativo della tv svedese non credeva alle ricostruzioni incerte del presunto serial killer. Inoltre non è mai stato ritrovato alcun cadavere. Alla fine dopo anni di silenzio, Quick-Begwall ammise di aver inventato tutto, prendendo spunto dalle cronache del tempo e dal film "Il silenzio degli Innocenti", da cui era rimasto profondamente colpito. Begwall non era un serial killer: per qualche strana ragione, decise di attribuirsi la colpa per dei crimini che non aveva commesso, probabilmente al fine di attirare su di sé l'attenzione della cronaca e farsi prescrivere degli psicofarmaci
Rastam ha scritto un libro sulla storia (Quick - Il caso del serial killer sbagliato, Rizzoli), ed è morto il giorno dopo averlo finito, nel 2012. Oggi il «serial bugiardo» deve ringraziare quel giornalista dubbioso se, a 63 anni, è tornato a essere un uomo libero.
L'ormai ex "mostro", sarà seguito da uno psichiatra per il resto della sua vita. Il giudice ha stabilito che il suo disordine mentale "non è grave al punto da costringerlo a rimanere in una struttura psichiatrica giudiziaria". 
Intanto; Quick potrebbe chiedere un risarcimento allo Stato svedese per la sua vicenda. Nel frattempo si riaprono le ferite dei parenti delle vittime, i cui killer - quelli veri - da anni girano a piede libero per il Paese. Impuniti!!!


 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.