stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 7 dicembre 2014

Seconda domenica dell`avvento con "Lussebullar e Pepparkakor"


Nel periodo natalizio in Svezia si gustano principalmente due tipi di dolci: i lussekatter e i perpparkakor. Ne avete mai sentito parlare? Qualcuno di voi li ha già provati? Per chi non ne avesse mai sentito parlare, vi spiego cosa sono e come vanno degustati. 
Il lussekatte, chiamato anche lussebulle, è una ricca ciambella di pasta dolce, lievitata ed aromatizzata con zafferano ed uvetta.
Questi dolci sono cotti in molte forme tradizionali, tra cui la più semplice è quella di S rovesciata.Per tradizione sono consumati durante il periodo dell’avvento e specialmente durante il giorno di Santa Lucia, il 13 dicembre.

I pepparkakor sono biscotti sottili allo zenzero, solitamente tagliati a forma di piccoli uomini e donne, di maialini o cuori.Non è raro vedere i bambini che creano e decorano con la glassa e caramelle piccole case fatte di pepparkakor, per celebrare il Natale. E’ un passatempo molto comune, un modo per passare assieme ai propri figli alcuni momenti che creano quella tipica atmosfera magica del natale
I pepparkakor sono arrivati in Svezia nel XIII secolo. Vengono di solito utilizzati anche per decorare finestre ed alberi di natale. Sono perfetti da accompagnare con una tazza di tè o di caffè caldo, per riscaldarci durante le corte e fredde giornate invernali.

E a voi, quali dolci natalizi tipici svedesi piacciono di più? Avete mai provato a preparare i pepparkakor o i lussekatte a casa vostra? 
Come sono venuti?
Intanto Buona seconda Domenica d`avvento a tutti. 



Post in evidenza

Intrigo a Stoccolma. (Parte 1)

Stoccolma: Settembre 1965 Arrivai in Svezia in una giornata come quella di oggi. Calda, cielo un pò nuvoloso con sprazzi d`azzurro in...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.