stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 20 agosto 2015

GIGI BAR


Sono seduto al Gigi Bar.  Era da un po’ che non ci venivo ”solo 40 anni” ma il tempo si sà passa in fretta  Dalle vetrate entra una bella giornata limpida e la sagoma morbida e forte del`Argentario all`orizzonte m`ispira. 

A ricordare, a sentire.  Anche quello che fa male, perché in fondo c`è quel profumo indelebile di giovinezza, e melanconia sanguinante, profumo mio, e solamente mio. 

Un bar come tanti, qui a Santa Marinella, un tavolo all’aperto di fronte al mare ed io seduto di fronte ai miei ricordi, sorseggio il caffè che è buono, sì, molto più di quanto sperassi.

Caffè italiano, dolce e amaro, mi scalda le mani e l’anima.

Ed ecco che attraverso quel fumo aromatico, tornano i fantasmi, no io non ci credo,.  È solo  un’illusione della mente che non riesce mai a trovare pace.  Accarezzo la tazza con le dita: tremo.  Sì, mi capisce, Gigi Bar. Sono in Italia, di nuovo, e la sento mia, la voglio. Ma  tanto, troppo. tempo è passato, quanti ricordi, che vedo attraverso un velo che non riesco a spostare.  Ed ho paura di provarci.  È passata una vita, ma non è cambiato niente. - Per la miseria-, non è cambiato niente.
Quel feeling antico, mi scivola addosso, ed io mi guardo in giro, parlo un pò con il cameriere che porta da mangiare ai gabbiani. Non sò dove andare…Emozioni che devo trattenere.  

Vorrei fermarmi, dire basta, ricomincio, ma i fantasmi spariscono in un mare scuro che li accoglie minaccioso.  Forse li ho lasciati andare... o non ho saputo trattenerli. Buono il caffè, caldo, scuro come il mare dove è caduto il passato, che non vedo più.

Confortami, dammi forza, amaro caffè italiano.  Come passa in fretta il tempo... a me rimane solamente quel filo a cui continuo ad aggrapparmi con tutte le mie forze...!!







Post in evidenza

Intrigo a Stoccolma. (Parte 1)

Stoccolma: Settembre 1965 Arrivai in Svezia in una giornata come quella di oggi. Calda, cielo un pò nuvoloso con sprazzi d`azzurro in...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.