Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 23 aprile 2016

Alla scoperta di Malmö, una città con l'ambizione di diventare una metropoli ad emissioni zero.

Capoluogo della Scania, a sud della Svezia, Malmö è la terza città del Paese, diventata un simbolo per il suo impegno nella salvaguardia dell'ambiente. Una piccola metropoli in miniatura, creativa e vivace, che ha saputo ripensare il proprio passato storico e industriale in chiave green. Ne sono un esempio la trasformazione dell'area dell'ex cantiere navale di Västra Hamnen e la creazione dei "tetti verdi" del quartiere di Augustemborg. Che hanno trasformato il volto e, anche, l'anima della città.
Affacciata sulle acque dell'Öresund, la storia di Malmö è strettamente legata al suo porto e ai cantieri navali Kockums, tra i più grandi del mondo, che a partire da metà dell'Ottocento, diedero grande impulso all'industrializzazione della città. Fino agli Anni '80, quando Malmö venne colpita da una grave recessione e queste attività vennero drasticamente ridimensionate con pesanti ripercussioni sull'economia e l'occupazione degli abitanti.
La città si trovò così a dover affrontare una delle sfide più difficili, la cui soluzione venne trovata guardando al futuro, puntando sulla sua rinascita in chiave green.
Oggi Malmö è un grande esempio di città sostenibile che punta su energie rinnovabili, mobilità sostenibile e aree verdi con l'obiettivo di diventare una metropoli a emissioni zero entro il 2020.
La Malmö di oggi mostra, dunque, un nuovo volto che ben si inserisce accanto al centro storico, tra palazzi d'epoca, il Castello o il Municipio, attraversata da Stortoget, la via principale dello shopping. Le dimensioni contenute della città, inoltre, la rendono ideale da visitare a piedi o in bici alle quali è riservata una rete di piste ciclabili di oltre 400 chilometri.
Västra Hamnen, da cantiere navale a zona residenziale
Il nuovo volto di Malmö è ben rappresentato da Västra Hamnen, l'ex area industriale del porto in cui avevano sede i cantieri navali. Dopo un grande intervento di bonifica, in collaborazione con ingegneri e architetti di fama internazionale, è stata riconvertita in un quartiere residenziale e commerciale alimentato al 100% da energie rinnovabili a km 0, con abitazioni a basso consumo energetico. Al posto dei vecchi edifici e capannoni del porto, oggi si trovano ristoranti, caffetterie e negozi che l'hanno trasformata in un'area vivace per gli abitanti e i visitatori.
 
E' stato, inoltre, creato un bel lungomare dove passeggiare e ammirare lo spettacolare ponte dell'Öresund, inaugurato nel 2000, che collega, in circa 20 minuti, Malmö con Copenhagen. E dove, poi, si trova una lunga spiaggia di 2,5 chilometri, Ribersborg, chiamata la Copacabana scandinava, dove gli abitanti amano fare tuffi rinvigorenti nelle acque dello stretto.
Simbolo di Västra Hamnen è il grattacielo Turning Torso, progettato dall'archistar spagnolo Santiago Calatrava, che con i suoi 190 metri di altezza è il punto più alto della Svezia. Purtropo si può solo ammirare dall'esterno perchè è stato pensato per residenze abitative.
Ma questo nuovo corso di Malmö è sempre in evoluzione. E proprio qui, a Västra Hamnen, sorgerà, entro dicembre 2016, il primo albergo ed edificio residenziale per ciclisti della Svezia. Il progetto prevede, infatti, un parcheggio a norma zero, dotato cioè di un solo posto auto per disabili e servizi di manutenzione, riparazione e lavaggio per le due ruote.
Tra i tetti verdi di Augustenborg
A circa 1 km dal centro di Malmö, si trova il quartiere di Augustenborg e rappresenta uno dei più grandi progetti urbani sostenibili della Svezia. Dove, infatti, fino al 2000 c'erano edifici decadenti e abbandonati, oggi la zona è stata trasformata da ampie aree verdi, impianti di riciclo e, soprattutto, dai green roof, i tetti verdi che ora ricoprono una superficie di 10mila mq delle abitazioni. Sono nuove aree verdi aperte anche al pubblico che, durante i mesi di giugno, luglio e agosto, si possono visitare insieme a una guida locale. Il roof garden è pensato come un'area dimostrativa di soluzioni per nuovi prodotti di copertura bio dei tetti e giardini d'ispirazione per l'agricoltura urbana e la biodiversità.
Oggi Augustenborg rappresenta un laboratorio e un esempio per lo sviluppo urbano sostenibile, in cui si promuovono nuovi progetti come le lavanderie sostenibili e l'innovativo Green House, un edificio residenziale eco-friendly di quattordici piani pensato con soluzioni energetiche innovative, di smart home, tetti verdi e ampi balconi coltivabili. L'inaugurazione è prevista per l'autunno 2016.
källa: il sole 24 ore by Francesca Pace







Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.