stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 7 agosto 2012

"Mamma mia. Arrivano gli orsetti svedesi."


Incredibile ma vero un esercito di orsacchiotti svedesi qualche giorno fa ha attaccato la Bielorussia. A firmare l'azione dimostrativa è stata un'agenzia pubblicitaria di Stoccolma,Studio Total. 

Due degli attivisti, Tomas Mazetti e Hanna Frey, hanno affittato un aereo biposto in Lituania. Lo hanno caricato con 1.000 orsetti in peluche con un messaggio innegiante alla "libertà di stampa" che Bielorussia sembra sia alquanto carente poi sono partiti in direzione di Minsk. Il volo sui cieli dell'ex repubblica sovietica è durato appena 20 minuti. Vatti a fidare degli svedesi… che in pochi minuti hanno lanciato il  carico di orsetti sulle teste degli increduli abitanti di  Minsk che non si sono fatti pregare per raccoglierli e conservare l`insolito trofeo come souvenir. 

La reazione di Lukashenko non si fa attendere .Silura due generali  della difesa aerea poi fa arrestare Anton Suryapin, 20 anni, fotografo e giornalista della Bielorussia, il quale rischia sette anni di galera con l`accusa di  aver aiutato un gruppo organizzato ad attraversare illegalmente la frontiera del paese. Stessa sorte per un blogger locale Syarhei Basharimau, reo di aver affittato un appartamento a due svedesi, quelli che secondo le autorità avrebbero realizzato uno dei video dell’evento.

Infine non contento di tutto questo il premier "aspirante comico" venerdì 3 agosto caccia l'ambasciatore svedese a Minsk il signor Stefan Eriksson  proprio a causa dei rapporti tra Stoccolma e i dissidenti bielorussi. «Accuse grottesche e ridicole» per il ministro degli esteri svedesi Carl Biltd che ha di conseguenza invitato i diplomatici bielorussi a lasciare il Paese.

Siamo veramente hai ferri corti (anzi, a gli orsetti corti…)




Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.