stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 1 agosto 2012

Frittata di Cipolle e Pecorino Romano.

Quando sto nella Piccola Città credo di avere il telefono sotto controllo ed ho paura che mi abbiano intercettato un giro di telefonate a dir poco compromettenti. Da ca. una settimana infatti parlo con uno strano personaggio di nome Amedeo il quale qualifico come spacciatore di pecorino romano.
Con il mio fornitore parlo di dosi e di crisi di astinenza.Viene nella Piccola Città ogni settimana per consegnare la merce ci incontriamo in un posto malfamato della città.
A casa mia oramai tutti temono da un giorno all’altro un blitz dei Nas. Sarà difficile spiegare che Amedeo mi rifornice solamente di Pecorino Romano con scientifica ed amorevole puntualità. Amedeo è un mago e riesce a prevedere la curva dei miei consumi così quando sto finendo la scorta di Pecorina Romano previene la crisi e mi consegna un`altra squisita partita. Guarnita di mozzarelline di bufala. Amedeo lo fa per affetto e amicizia ed anche perchè qualche anno fa ebbi l`onore di ospitarlo a Stoccolma per due settimane. Mai un ospitalità fu ripagata meglio e più profumatamente. Amedeo è un trino: ingegnere informatico, antquario e spacciatore di Pecorino Romano. La prima attività la fa per necessità economica le seconde due per passione. È una brava persona con un solo difetto; ha creato in me una pericolosa caciodipendenza; sarei capace di tutto pur di procurarmi la dose. Nel frattempo ho smesso di frequentare una donna avida del mio cacio; potrei invece instaurare un rapporto duraturo con chi mostra disinteresse al mio tesoro. Confesso che tra MariaGrazia Cucinotta e il cacio pecorino esiterei a lungo.
Morale della favola: Goloso di questo primitivo cibo laziale l`altra settimana in partenza per Stoccolma sono stato fermato a Fiumicino al metal detector. Colpa di una mia cara Amica che gentilmente mi ospita a casa sua quando soggiorno nella Piccola Città. La quale aveva rivestito con diversi fogli carta metallica due fette di frittata di cipolla con aggiunta di pecorino; l’aveva fatto per evitare micidiali esalazioni. Quando i due solerti doganieri mi intimarono di aprire la borsa, videro allarmati i due triangoli a forma di fondina. Volevo sprofondare, stavo per dichiarare che erano veramente due pistole piuttosto che confessare di detenere frittata di cipolla con aggiunta di pecorino romano. Ancora non so spiegarmi se mi vergognavo di più per la figura da " il solito italiano in vacanza" o più terrorizzato da un eventuale sequestro dell’adorata roba. È bello farsi una frttata di cipolle.
Chi non l`ha mai assaggiata, non conosce il paradiso.💓


Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.