stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 8 settembre 2012

Doppi sensi alla svedese.

Oggi a Stoccolma è stata una bella giornata, ne ho apprifittato per fare un pò di jogging  al ritorno la mia panchina abituale (quella dove riprendo fiato…) era occupata dalla Signora Ingrid una mia dirempettaia con la quale scambio volentieri qualche parola ma per via delle ferie era circa un mesetto che non la vedevo.

La Signora Ingrid è una donna sulla settantina, ben portati, elegante, fine, allegra e spensierata con la battuta sempre pronta, unico neo ha deciso di imparare l`italiano e mi apostrofa sempre con qualche frase incomprensibile.

Questa mattina dicevo, la vedo seduta sulla ”mia panchina” anche lei reduce da un giro di jogging.Ora si gode gli ultimi raggi sole e la saluto.

” Ooohh, buongiorno Ingrid, ben tornata. Sono finite le ferie eh!!!! Tutto bene??? “
Ingrid sorridendo mi risponde: ” Sì, sì siamo rientrati sabato sera, tutto bene Franco, ma guarda oggi sono già stanca. “

Eh là, già stanca. Cos’è, mi soffre anche lei da stress da rientro??? “

” Ma no! ” ……e ride ” E’ che sono stanca perché……….. ” e continua a ridacchiare ” ……perché é tutta la mattina che inseguo un uccello!!!!!!!!!!!!!

Resto esterefatto, ” Un uccello? “ (dice propio UCCELLO, in italiano!)

” Ma sì, il mio nipotino, ha aperto la gabbietta del pappagallino….. ed é volato via. “
Prosegue sempre sogghignando: ” Così é da stamattina che ’sto benedetto uccello svolazza nel salotto senza allontanarsi la porta del balcone è aperta, ma senza nemmeno farsi prendere. E’ là sulla libreria che mi guarda ’sto str…o! “

Poi mi guarda fisso negli occhi e tuona:” Pensa te non correvo dietro agli uccelli…… a vent’anni per farlo a settantadue “

Cerco di di darmela a gambe.Ormai ero quasi piegato in due dal ridere : Raggiunto l`androne mi volto e le grido sorridendo:“ Signora Ingrid, non smetta adesso però!!!!!!! “
……. Che mito ’sta donna!!!!!



Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.