stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 21 settembre 2012

Un pò di ottimismo per la nostra Italia, per favore...


In questi miei giorni italiani anche io ogni tanto apro i giornali ed ascolto i telegiornali.

Devo ammetterlo, lo faccio raramente, perché spesso, troppo spesso, quotidiani e televisioni ci riempiono di notizie negative...

Parlano di crisi, di morti sulle strade, di droga e di ogni altro aspetto negativo, enfatizzandoli al massimo.

Mai che raccontino, una sola volta, delle tante cose belle che accadono in giro per la nostra amata Italia.

Dei tanti italiani che si danno da fare. Che si rimboccano le maniche e, nonostante la crisi, riescono ad ottenere dei risultati apprezzabili.

Dei tanti fatti positivi, che accadono ogni giorno, in ogni città italiana.

Forse perchè le notizie cattive vendono più copie e portano più ascolti? Evidentemente sì.

Ma io non mi arrendo. Sarà anche vero, ma da questo blog vi invito ad avere un pò di ottimismo.

Vi invito a pensare che non ci sono solo crisi e problemi vari, bensì anche opportunità.

Quando da giovane, lavoravo a "Pålsboda" nella contea di "Örebro," un piccolo impreditore di nome Helge, mi insegnò che proprio dai grandi problemi e dalle grandi crisi, nascono "grandi opportunità".

Quindi, resto della mia idea: spengo la televisione, chiudo i giornali e nutro la mia mente di sano ottimismo.

Ciò, non vuol dire che ho gli occhi foderati di prosciutto e non voglio accorgermi dei problemi che ci sono.

Significa solamente che preferisco fare come sempre. Sfruttare le opportunità che mi capiteranno piuttosto che attendere passivamente gli eventi, lamentandomi.

Un pò di ottimismo, per favore!

Buon Week end Buon fine settimana da franco.




Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.