Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 2 luglio 2013

Perché gli italiani sono scontenti dell’Italia e degli italiani.



Leggo sul “Corriere” a firma prestigiosa di Arrigo Levi - “Il vizio nazionale dell'autoflagellazione” - la tendenza, che l’ottimo Levi biasima, dei connazionali all’autoflagellazione, anche perché secondo il giornalista « né i francesi né gli inglesi o i tedeschi, gli americani o i russi, parlano così male del loro Paese come noi italiani del nostro». In precedenza Levi aveva raccontato che, essendo stato al seguito di ben due Presidenti della Repubblica, aveva approntato per loro dei ricchi dossier e incontrato magistrati, sindaci e prefetti, vescovi e sindacalisti, concludendo: « Sono ancora convinto che io, e alcuni amici che hanno condiviso la mia stessa esperienza, abbiamo acquisito un'immagine dell'Italia più documentata di chiunque altro, scoprendo intatta la ricchezza di cultura, l'operosità e le doti civili delle nostre cento città».

Ora, io ritengo che il difetto stia proprio nel punto di osservazione prescelto. Dal punto di vista delle Eccellenze e delle Eminenze, degli stucchi e dei tappeti rossi - dove l’aria delle élite è tanto rarefatta da non avvertire i miasmi delle paludi in cui si combatte la minuta lotta per la vita-, difficile è avere il chiaro sentore di cosa è diventato per molti italiani, né complici né colpevoli dei vizi nazionali, il semplice tentativo di affermarsi secondo principi di correttezza e lealtà. Affermazione di sé costantemente avvilita e frustrata da una pletora di connazionali furbi e sleali spalleggiati da poteri talora semplicemente informali e talaltra del tutto inconfessabili. A questi livelli di lotta per la vita, più forte si respira il tanfo della corruzione dei costumi accumulatasi nel tempo che pervade ogni anfratto della vita sociale, politica e amministrativa, e alla cui alimentazione hanno sicuramente contribuito in egual misura certamente l’inerzia dei molti e la complicità di altrettanti.

La difficoltà di vivere a stretto contatto con connazionali furbi e sleali oltre ogni immaginazione ha tolto il respiro a molti, agli esclusi certamente sempre più numerosi, alle vittime di questo gioco al massacro diventato sempre più crudele man mano che le risorse economico-sociali si sono assottigliate, fino a sembrare l'intera vita collettiva uno sgomitare continuo da “assalto al forno” senza regole fuorché quelle dei gomiti piantati sui fianchi. Basterebbe segnalare al bravo giornalista Arrigo Levi quella pagina dell’altrettanto bravo Luigi Barzini ne “Gli italiani” (già nel 1965!) quando, dopo aver osservato molti comportamenti “all’italiana” commentava: « Forse per noi non c'è scampo. Ed è questa sensazione di essere in trappola entro i limiti inflessibili delle tendenze nazionali a far si che la vita italiana, sotto la sua superficie scintillante e vivace, abbia una qualità fondamentale di amarezza, disappunto, e infinita malinconia».

Källa: CassinaPD di Alfio.









Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.