Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 20 agosto 2013

Svezia: La descriminazione colpisce ancora.



La Svezia è uno dei paesi più vivibili d’Europa, ma l’odio razziale e la discriminazione religiosa sono una piaga non ancora sconfitta. Venerdì notte una donna incinta che indossava il velo islamico è stata aggredita e picchiata.

È accaduto venerdì notte una donna incinta che indossava il velo islamico è stata aggredita e picchiata in un quartiere alla periferia sud di Stoccolma, suscitando un’ondata di indignazione tra le donne del Paese che hanno lanciato un appello a manifestare solidarietà, scendendo in piazza con il capo coperto nonostante la religione di appartenenza. La notizia è stata comunicata dalla stampa svedese. All’agenzia TT Klas Jensgard, della polizia di Stoccolma, la donna ha affermato di essere stata aggredita proprio a causa del velo islamico, che le è stato strappato via durante l’attacco. Finora, secondo i media svedesi, non è stato compiuto alcun fermo per l’aggressione, avvenuta verso mezzanotte nel sobborgo di Farsta.
La ministra della Giustizia Beatrice Ask
Sono numerosi gli episodi di questo tipo avvenuti di recente in Svezia e quest’ultimo ha suscitato immediate reazioni: appelli a scendere in piazza indossando il velo in segno di solidarietà, inviti a pubblicare fotografie sui social network con il capo coperto, cui hanno già aderito la deputata dei Verdi Asa Romson, la socialdemocratica Veronica Palm, l’attrice Gina Dirawi. Ieri sul giornale Aftonbladet, esponenti dell’organizzazione “Protesta Hijab” hanno fatto appello alla ministra della Giustizia Beatrice Ask perché adotti misure “in grado di assicurare alle donne musulmane il diritto alla sicurezza personale e alla libertà religiosa, senza essere preda di attacchi verbali o fisici”, nell’ambito della lotta all’odio razziale e alla discriminazione religiosa.
(Diverse köllor)


Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.