Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 11 settembre 2013

Lettera aperta alle mamme italiane.

Questo post è un appello per tutte le mamme italiane che hanno uno o più figli maschi:
Ecco la  preghiera che Valentina vuole rivolgere a tutte loro.
Se davvero vogliamo cambiare la mentalità “maschilista” e “machista” presente da sempre in Italia, c’è bisogno di voi: insegnate ai vostri figli, sin da piccoli, che non è vero che la mamma deve stirare, cucinare, pulire (fare le cose da mamma-femmina) e il papà deve fare benzina alla macchina, usare il trapano per appendere quel quadro o stare stravaccato sul divano come se non ci fosse un domani (fare le cose da papà-maschio)…e volete sapere qual è il modo migliore per insegnarglielo??!


Il solito: dando l’esempio! Educate i vostri figli (maschi o femmine che siano) all’autonomia, in ogni cosa: sapersi comprare dei vestiti, cucinare, cambiare il letto, pulire il bagno, guidare l’auto, consultare una cartina stradale, pagare le bollette, fare la spesa, andare a lavorare, stirare…

E poi, insegnate e fate vedere loro che papà e mamma sono interscambiabili, sempre e comunque: se il pannolino lo sa cambiare mamma, deve saperlo cambiare anche papà; se mamma sa preparare la pappa per il pupo, deve saperlo fare (e farlo) anche papà; se mamma sa fare una lavatrice strapiena di vestitini sporchi e bavaglie luride, deve saperlo fare (e farlo) anche papà; dato che, se papà va a lavorare, spesso e volentieri, ci va anche mamma! Sono stanca, stufa marcia, di questi maschi modello ‘Piccolo Lord’ che non sanno fare niente, che senza una donna vicino sono allo sbando, non si lavano, si vestono con le stesse cose per giorni, settimane, non si fanno la barba, non sanno andare al supermercato senza una lista ultra-dettagliata…Se al mondo ci sono uomini così, care le mie signore, è colpa nostra, anzi vostra, visto e considerato che io (per ora) non ho figli maschi e mio marito cerco in continuazione di educarlo secondo questi principi. Quindi vi prego, mamme di figli maschi, ascoltate ed esaudite la mia preghiera! Credete nella parità dei sessi?! È il momento di fare qualcosa perché questa si realizzi. Coraggio, che se vostro figlio (maschio) impara a stirare, caricare la lavastoviglie o farsi un caffè, non ne morirà di certo. Io sono cresciuta con una madre che ha educato me e mio fratello secondo il motto: “saper fare rende liberi” e vi posso garantire che ha funzionato per tutti e due!
Valentina




Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.