Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 11 dicembre 2013

Svezia: "Concessa l`adozione di un bambino ad un condannato per abusi su minore."

Notizia shock quella ribadita oggi 11 dicembre dal quotidiano locale HD – Helsingborgs Dagblad – che si pubblica nella cittadina svedese di Helsingborg. Un bimbo disabile di 10 anni sarà presto dato in adozione all’uomo che nel 2009 aveva sposato in seconde nozze la mamma, la quale è appena deceduta. Potrebbe sembrare una buona notizia, se non fosse che l’uomo è un condannato per abusi su minore. Un individuo che, stando a quanto racconta il Dagblad, nel 2004 ha subito una condanna per avere molestato la figlia del vicino e che inoltre è accusato, in un caso giudiziario ancora aperto, di avere violentato una quattordicenne, oltre a avere subito numerose condanne penali di varia natura per essere stato riconosciuto autore di ben 90 truffe.

Incredibile lo svolgimento della vicenda, con la Commissione per gli Affari Sociali della città svedese che ha dato semaforo verde all’adozione, nella quale nove membri su dieci si sono detti di parere favorevole perché hanno giudicato molto basso il rischio di recidiva di atti di pedofilia da parte del soggetto in questione. Una conclusione indecente e campata in aria, considerato che, come sottolinea il giornale, la Commissione ha raggiunto le sue conclusioni senza neanche dare uno sguardo alla documentazione che riguarda modalità e dettagli circa i reati sessuali già commessi dall’uomo o sui quali è ancora indagato dagli investigatori.
Elin Lunner

Una stupefatta Elin Lunner, la giornalista che ha denunciato il fatto con un articolo dal titolo significativo: “Socialtjänsten måste först utreda själv” (I servizi sociali dovrebbero prima indagare se stessi), si è subito messa in contatto con la direttrice dei servizi sociali di Helsingborg, la signora Dinah Abinger, la quale si è a sua volta dichiarata molto preoccupata dalla piega che sta prendendo questa vicenda ed ha lanciato l’allarme sul caso di questo bambino disabile. In una intervista poi rilasciata all’agenzia di stampa Tt, la Abinger ha affermato senza mezzi termini : “Questo via libera all’adozione deve essere immediatamente fermato. Sono state condotte ricerche in modo troppo superficiale. Ci sono troppi punti che non sono stati trattati in modo esauriente. Ho intenzione di presentare il caso all’Ispettorato della salute e dell’assistenza sociale”. Secondo quanto riferito dalla Lunner in un trafiletto di spalla all’articolo in oggetto, l’Adoptionsfallet, cioè le scadenze dell’iter legale sono molto ravvicinate tanto che la decisione finale favorevole all’adozione incriminata è attesa per il 10 di febbraio.

Peraltro stiamo parlando della Svezia, un Paese immerso nella solidarietà e che “naviga nei servizi sociali” nel quale è assolutamente impossibile che un bimbo disabile orfano di madre, col padre biologico di cui non si hanno più tracce, sia comunque destinato a rimanere abbandonato a se stesso, per cui quella dell’adozione rappresenta l’estrema ratio, l’unica possibilità per garantirgli la dovuta assistenza sanitaria ed affettiva. Nella sua situazione, sembrerebbe più logico sottrarre il bambino alla disponibilità di quell’equivoco individuo ora che, già senza padre, il bimbo non ha neanche più la madre a tutelarlo, piuttosto che consentirgli di adottarlo legalmente sottomettendolo alla propria volontà. Con la sua decisione, di fatto la Commissione di Helsinborg ha creato un precedente pericolosissimo, non solo per la Svezia, ma per la società civile di tutto il mondo.
källa: Q quotidiano.

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.