stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

mercoledì 19 febbraio 2014

Buongiorno...




Buongiorno, “E svegliarsi una mattina” Sinceramente quando mi sveglio, non penso se la giornata sarà x oppure y il tempo è un sentiero e un’avventura giornaliera, dipende da tante cose da tanti fattori, ed è bello viverla nell’imprevisto. Non puoi pensare vado al lavoro e devo fare questo che non mi va, oppure ho quella lezione noiosa che non sopporto, oppure tante altre cose dipende da come ti si svolge la vita. Neppure puoi pensare, mi sveglio e mi stampo un bel sorriso stereotipato sul viso e chi s’è visto s’è visto. Non si vivono giornate in “Fotocopia” e neppure puoi farti piacere quello che non ti aggrada… Si vive, si va avanti, cercando di “sfrondare” un sentiero fino a farne una strada … Fino a che potremo dire … “Dacci anche oggi il nostro vivere quotidiano”… Dei sorrisi o delle “Smorfie” che possiamo fare, quella è piena la vita, ma proprio perchè è così, non diventa una noia mortale …. Adelante, Adelante


 marcoforever`,

Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.