Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

sabato 8 marzo 2014

Kiruna:"Una città in movimento"


Sarà un primavera piuttosto straordinaria quella degli abitanti di Kiruna, la città più settentrionale della Svezia. Tra poche settimane dovrebbero iniziare i lavori – che dureranno vent’anni - per spostare la città.  

I ventimila abitanti verranno trasferiti in nuove case, costruite attorno a un nuovo centro cittadino, tre chilometri a est da quello originario. L’impresa – rischiosa e difficile – è diventata necessaria a causa delle miniere delle alture lapponi, che pian piano hanno ingoiato l’antico insediamento diHaukivaara, la più vasta e abitata area della Lapponia.  
Il fatto è che Kiruna, costruita nei primi del Novecento 90 chilometri a nord del circolo polare artico, per ospitare i lavoratori di una enorme miniera di ferro, sorge su uno dei depositi minerari più grandi al mondo. Per lasciar posto all’estrazione la città verrà quindi progressivamente spostata. 

Se il progetto andasse male la sopravvivenza di Kiruna, i suoi abitanti e la sua economia .  
Più di 3.000 condomini e case, diversi alberghi, uffici, scuole, negozi, ospedali, saranno svuotati, mentre a tre chilometri si costruiscono le strutture alternative. La famosa chiesa del 1900 – eletta edificio più bello della Svezia nel 2001 - sarà smontata, pezzo per pezzo, e ricostruita. Ma tutto non potrà essere salvato. 
La storia era iniziata dieci anni fa, quando la compagnia mineraria di Stato, la Lk Ab, aveva detto chiaramente al governo locale che aveva bisogno di scavare più a fondo e che il rischio di frane e cedimenti era alto. I timori sono stati peggiori del previsto: gli scavi hanno prodotto ferite profonde nel sottosuolo tanto che oggi enormi fessure e crepe sono compare in tutta la città e il rischio cedimenti è altissimo.  

Per anni gli abitanti di Kiruna hanno pensato - e sperato – che il progetto di spostare la loro città fosse fantascienza. Ora che sta per iniziare ogni panchina, strada, palazzo viene già guardato con nostalgia, dal momento che tutto non si potrà spostare. Il piano di ricollocamento riguarderà inizialmente 35 per cento della superficie cittadina, comprese case, negozi, scuole e il municipio.  
källa:lastampa (m.perosino)
Mai fino a ora era stato ipotizzato lo spostamento di un’intera città. In Germania, Stati Uniti e Africa si sono spinti a spostare piccoli villaggi e case, mai grandi centri urbani. Le nuove case dovranno essere pronte in parallelo a quelle già esistenti; a queste si dovranno aggiungere circa mille nuove case per gli operai, gli architetti e gli ingegneri che verranno a costruire la nuova Kiruna.

 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.