Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 4 aprile 2014

Storia di Kavian, l´iraniano che aiuta i senzatetto in Svezia.


Kavian Ferdowsi, ha lasciato il suo paese islamico, l’Iran, dove aveva vissuto molti anni, nascostendosi per paura di venire ucciso a causa della sua conversione al cristianesimo avvenuta nel 2003.
Arrivato in Svezia ha trovato una dura realtá; la mancanza di un permesso di soggiorno lo ha di nuovo costretto a nascondersi per anni, vagabondando di cittá in cittá; ha dormito sulle panchine o in baracche fredde alla periferia, é finito sulla strada a mendicare per potersi sfamare con i pochi spiccioli avuti dalla generositá dei passanti.

Dopo il tanto e a lungo aspettato permesso di soggiorno, e grazie all’aiuto della chiesa, le cose per lui sono cambiate. Ha trovato un piccolo appartamento dove potersi sentire sicuro. Ma il segno lasciato dal periodo trascorso a mendicare é stato profondo e ha perció deciso di mettersi al servizio di coloro che si trovano ad affrontare il freddo inverno per strada.

Kavian in un’intervista racconta che quando incontra un senzatetto scortese, riesce a scusarlo, perché lo puó capire, essendosi trovato anche lui nella stessa situazione. Da cristiano pensa che aiutando il piú povero degli uomini possa aiutare Gesú.
Il suo grande desiderio è di aiutare tutti coloro che soffrono, mettendosi al loro servizio. Lavora come volontario nella distribuzione del cibo della chiesa e il sabato e la domenica invece distribuisce lui stesso cibo raccolto o ricevuto in regalo. Una parte dei soldi che riceve dallo stato svedese, li regala a coloro che ne hanno piú bisogno. Nel tempo libero si ingegna a mettere insieme pezzi elettronici per creare oggetti nuovi. Desidera studiare per diventare ingegnere e spera che un giorno una delle sue invenzioni venga patentata per poter dare il ricavato ai bisognosi.

Da anni è possibile incontrarlo nelle strade di Stoccolma giá all’alba a distribuire caffé e cibo a tutti coloro che non hanno ne casa ne cibo.
Autrice: Antonella Tiozzo
Ha aperto anche una sua pagina internet dove si possono trovare informazioni per aiutare i senzatetto.
Insomma un nuovo Robin Hood dei tempi moderni in un mondo senpre piú globalizzato.



Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.