stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 9 settembre 2014

A meno di una settimana dalle elezioni


A meno di una settimana dalle elezioni, il primo ministro Fredrik Reinfeldt del partito dei moderati ha incontrato il leader dei socialdemocratici Stefan Löfven in un duello televisivo, il quale secondo un sondaggio del giornale della sera Aftonbladet, Fredrik Reinfeldt, ha vinto nettamente lo scontro.

Alla domanda: “Chi pensi che ha fatto meglio nel duello televisivo" il 44 per cento ha risposto Fredrik Reinfeldt. Mentre solamente il 37 per cento ha ritenuto Stefan Löfven come vincitore.
“Reinfeldt ha avuto delle vittorie ben più consistensi prima d`ora. Ma non c'è dubbio che ha vinto anche questa volta" ha commentato Karin Nelsson, Project Manager del`
Istituto demoscopico "Inizio."
 
Quindi secondo i sondaggi i moderati stanno guadagnando terreno e non è affatto sicuro che prossimo 14 settembre gli svedesi congedernno il governo di centrodestra di Reinfeldt per tornare all’antico, affidandosi alla sinistra. 
Reinfeldt ha portato avanti il dibattito basandolo sul piano economico, infatti il suo governo ha tagliato ad agosto le stime di crescita: da 2,5 per cento a 1,9 per l`anno corrente e da 3,1 per cento al 3 per il 2015. 
Anders Borg, ministro delle finanze, famoso anche per il suo codino e probabile successore alla guida del moderati in caso di sconfitta, ha dato la colpa dell’instabilità del quadro internazionale. 

Malgrado tutto però l’economia resta comunque il fiore all`occhiello del governo di Reinfeldt. Basti pensare che nonostante tutte le incertezze del caso, la Svezia è in crescita, mentre la curva della disoccupazione punta decisamente verso il basso: 7,1 per cento a luglio, da tener anche conto che Reinfeldt gode della  fiducia dei suoi connazionali anche quando si tratta di politica estera e Unione europea.

Insomma anche questa volta sarà una elezione al cardiopalma. 
 (nonno Franco a Stoccolma)
 

Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.