Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 16 ottobre 2014

La Svezia si riscalda con ”a`munnezza” dell' Italia.

Discarica "della salute" a Civitavecchia
In certe zone d'Italia c'è la perenne emergenza rifiuti. La Svezia invece scopre il business miliardario dei termovalorizzatori.
*****
L'Italia è anche il paese della perenne emergenza rifiuti, dove alcuni partiti incentrano un'intera campagna elettorale per un comune sulla lotta alla costruzione di un inceneritore, forse convinti che la spazzatura delle nostre città possa smaltirsi per magia.
Oppure essere stipata in una discarica. Metodo sicuramente più salutare dell'incenerirla. 
Agli antipodi del problema, non solo geografici, c'è la Svezia. Il suo motto per gestire i 461 chili di spazzatura procapite dei suoi cittadini è prevenzione, riuso, riciclo e, solo come ultima spiaggia, la discarica. Ultima spiaggia in cui finisce solo l'1% di tutti i rifiuti del paese scandinavo. 
Il termovalorizzatore recupero rifiuti di Halmstad
Tutto quello che non può essere riciclato viene incenerito grazie al programma Waste-to-energy con cui la Svezia si è dotata di 32 termovalorizzatori che permettono di riscaldare 950mila abitazioni e di produrre energia elettrica per altre 250mila. Per produrre l'energia di una tonnellata di petrolio vanno incenerite tre tonnellate di spazzatura, precedentemente differenziata al momento della raccolta. L'uovo di colombo che permette di eliminare i rifiuti dalle strade e ottenerne anche un guadagno. 
Una trovata niente male che permette alla Svezia di importare, dietro lauto pagamento, 800mila tonnellate di immondizia da Regno Unito, Norvegia, Irlanda e soprattutto Italia.
Bravi continuate a pagare per regalare energia alla Svezia.
källa: il giornale.
E le tonnellate che non partono restano a marcire nelle "salutari" discariche che, come fa notare la responsabile del programma Waste-to-Energy Anna Gripwall"quando (l'immondizia) risiede nelle discariche, rilasciando metano e altri gas serra, non è positivo per l'ambiente, ovviamente. Waste-to-energy è un'alternativa furba con un minore impatto ambientale, tenendo conto sia dei sottoprodotti dell'incenerimento che delle emissioni che derivano dal trasporto. In più, recuperare energia dai rifiuti consente di sfrutatre una risorsa che, altrimenti, sarebbe gettata". 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.