stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 5 marzo 2015

La Metropolitana più bella del mondo.


Sarete in pochi a sapere che Stoccolma ha una metropolitana che è una vera e propria galleria d’arte, anzi la galleria d’arte più lunga del mondo!
La Metropolitana di Stoccolma è formata da 3 linee (verde, rossa e blu) ed è lunga circa 110 km, quasi la metà delle stazioni sono sotterranee e sono soprattutto gli ampi spazi di queste stazioni che numerosi artisti contemporanei hanno arricchito e abbellito con creazioni di vario genere.
Si tratta non solo di affreschi, pitture e sculture di ogni tipo, ma anche di grotte, piccoli laghi e altri tipi di riproduzioni. Particolarmente bella è la stazione di Kungsträdgården, che è ambientata in un’antica necropoli e nella quale si possono ammirare colonne e resti antichi e la fermata Tekniska högskolan della linea rossa, dove gli artisti hanno riprodotto un ghiacciaio.
Altre suggestive stazioni sono la Radhuset, dove le scale mobili sono scavate nella roccia, la fermata della linea verde Stadion, addobbata con un cielo azzurro e un enorme arcobaleno e quella in cui è dipinto un grande sole giallo e luminoso, lo stesso che gli svedesi (compreso me...) rimpiangono durante i mesi invernali.
Se andate all’Ufficio del Turismo a Stoccolma, oppure in una qualsiasi fermata della metropolitana, vi forniranno una piccola guida sulle varie creazioni disseminate nelle stazioni, opere di ben 140 artisti.
C’è da dire poi che la metropolitana di Stoccolma oltre ad essere molto bella e suggestiva è anche molto capillare, efficiente e pulita, cose che certo non guastano!

C’è un’ultima curiosità riguardo alla metro di Stoccolma: proprio nelle sue stazioni è stato distribuito per la prima volta (nel 1995) il free press Metro”, ora diffusissimo in tutta Europa


Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.