Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

venerdì 13 marzo 2015

Over +65 di tutto il mondo uniamoci e adottiamo Fido


Gli over 65 con Fido? Si muovono meglio, hanno un cuore  più robusto, una pressione più stabile e meno disturbi emotivi.
********************************** 
Avete presenti le cremine antirughe e le emulsioni anticellulite che, assieme alle pastiglie con gli onnipresenti Omega3 e altri antiossidanti, vi fanno sembrare più giovani? Roba da ridere in confronto a un bel Labrador o a un bastardone qualsiasi.

È quanto affermano i ricercatori della Saint Andrews University scozzese con un lavoro pubblicato sulla rivista Preventive Medicine. Gli over 65, proprietari di cani, hanno dimostrato di avere un livello di salute fisica di 10 anni superiore a quelli che il cane non ce l'hanno.
In altri termini, si potrebbe dire che hanno fregato l'anagrafe, riportando indietro l'orologio biologico di una decade. Gli autori della curiosa ricerca hanno studiato il comportamento di oltre 500 persone che avevano superato la soglia dei 65 anni, praticamente tutti pensionati, prendendo dapprima in considerazione la capacità di muoversi e hanno scoperto che chi possedeva un cane aveva un livello di movimento fisico superiore del 12% rispetto a chi viveva senza Fido.
Ci sono molti studi ormai che dimostrano ampiamente i benefici di possedere un cane o un gatto o più genericamente quello che viene oggi definito un «pet» (animale d'affezione) per quanto riguarda un maggior benessere mentale, una diminuzione dei valori di pressione arteriosa e di frequenza cardiaca. Questa ricerca è la prima a prendere in considerazione i livelli di attività fisica fra i pensionati che possiedono o meno un cane. Il Dr Zhiqiang Feng afferma che è ben noto l'effetto benefico della presenza di un cane o un gatto sullo stato di salute mentale degli anziani che saranno meno inclini alla malinconia, alla solitudine e infine alla depressione che consegue. Per lo studio in questione sono stati arruolati ben 547 anziani over 65, con un'età media di 79 anni. Circa 50 persone (il nove per cento) possedeva un cane e il 75 per cento di questi lo portava regolarmente a fare passeggiate. Per un periodo di una settimana i ricercatori hanno chiesto a questi volontari di indossare un accelerometro particolare, in grado di misurare i loro movimenti. Quando hanno sviluppato i grafici, i ricercatori hanno trovato un dato costante. Chi possedeva un cane raggiungeva livelli di attività fisica che si potevano riscontrare nelle persone, senza cani, con dieci anni di meno. Il Dr. Feng, responsabile del dipartimento di Geoscienze, ha così commentato: «I risultati della nostra ricerca suggeriscono che avere un cane può essere di stimolo, per l'anziano, a camminare di più e, in generale, a raggiungere livelli superiori di attività fisica rispetto a chi il cane non lo possiede o si siede con lui sul divano davanti al televisore per tutta la giornata. Oltre all'attività fisica» continua Feng «che già di per sé costituisce un enorme beneficio, il fatto di muoversi oltre i confini di casa rende l'anziano più incline ad abbattere le barriere sociali, a tenere meno conto del clima (classica scusa per stare sul divano) e a dare il giusto peso alle malattie, evitando quell'ipocondria che spesso colpisce questa fascia di persone».
I dati della ricerca stanno interessando anche le autorità amministrative e sanitarie del Paese. Se gli anziani stanno meglio, buon per loro e per tutti, perché anche le casse dello stato risparmiano su farmaci e ricoveri. 
källa:ilgiornale.it
Chissà, forse un giorno non lontano un medico prescriverà di acquistare o «prendere in prestito dal canile» un cane, invece dell'antidepressivo e dell'antinfiammatorio per le giunture arrugginite.
*************************** 
Io, per esempio sono appena tornato da una ”passeggiatina notturna" e mi sento benissimo (che siano le ultime parole famose?) Comunque sia, Chicca mi ha svegliato in piena notte, ha voluto scendere in giardino per fare i suoi ”bisognini”. Non mi resta che farmi un caffettuccio con un dolcettino (per migliorare i valori glicemici…) e dopo a nanna, Chicca già ”ronfa” da un pezzo. Buonanotte a tutti e buon weekend (anche da parte di Chicca).



Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.