Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 21 aprile 2015

QUANDO NOI ERAVAMO SPORCHI, BRUTTI E CATTIVI

Gli ultimi saranno i primi” recita il Vangelo. Ma sono parole per un’esistenza oltre la vita, un messaggio che non contempla la superbia di questo mondo. E invece questa frase è stata travisata e, in maniera quasi sacrilega, quelli che ieri erano considerati gli ultimi oggi pensano di essere i primi.
Gli italiani emigranti di un tempo sono diventati i nazionalisti dei nostri giorni, i populisti delle ronde, del “fuori gli extracomunitari dalla penisola, del “ci rubano il lavoro”.
Se fosse solo questione di religiosità basterebbe una sana strigliata del Pontefice a far tornare le cose a posto. Purtroppo, però, il problema è atavico e insito nel dna dei peninsulari. Siamo gente che dimentica facilmente il passato e perde troppo spesso le proprie orme. Qualcuno però ha pensato bene di rinfrescare la memoria a tutti.
Nel 2002 è uscito “L’orda” di Gian Antonio Stella (Rizzoli Editore), pubblicato recentemente anche in edizione economica e tascabile. Il meraviglioso sottotitolo la dice lunga su ciò che il lettore troverà scritto dietro la copertina: “Quando gli albanesi eravamo noi”. E come dargli torto pensando ai tanti bisnonni partiti con posti di “quarta classe” su navi dirette a Nuova York. A volte nelle cassapanche in soffitta si scoprono ancora le cartoline, scritte in un italiano stentato. Era il miraggio di una vita diversa, ricca, sperando di rubare una fetta di paradiso prima del tempo. Ma non solo avi del secolo scorso sono stati migranti: nel 1962 Mario Trambusti, fiorentino, cadeva  e si sfracellava al suolo cercando di varcare clandestinamente il confine francese sugli strapiombi rocciosi di Ventimiglia. E noi che ci scandalizziamo delle imbarcazioni di disperati che raggiungono le nostre coste! Siamo stati un popolo di emigranti, di clandestini, di “poveri diavoli”. Fino agli anni Cinquanta negli Stati Uniti eravamo citati dalla stampa come un popolo di lustrascarpe e mafiosi, in Australia eravamo straccioni e la Svizzera ci odiava, trattando chi riusciva a varcare il confine come pezzenti.
Le famiglie dei nostri connazionali emigrati abitavano in piccole e malconce baracche e lì dormivano, lavoravano e mangiavano più di dieci persone; i bambini erano mandati a lavorare in miniera o nelle fabbriche non appena avevano acquisito un po’ indipendenza motoria, oppure erano scaricati nella strada alla ricerca di qualche spicciolo di elemosina; gli uomini partivano per “fare la stagione” nelle saline a sud della Francia (attività che i francesi non volevano più svolgere per l’enorme fatica che procurava e la poco stipendio proposto!). A questo quadro penoso si aggiunge l’enorme difficoltà ad integrarsi, l’incapacità di apprendere la lingua del paese ospitante, la facilità alla rissa e al coltello. No, non sono fantasie: il nostro popolo non ha mai avuto una buona reputazione all’estero e, come ci spiega Gian Antonio Stella con centinaia di informazioni accertate, la nostra condizione era quella del “dago” (da “untill the day go” finché il giorno va – nomignolo dispregiativo con cui gli statunitensi chiamavano gli italiani “fannulloni”) e dello straniero accattone e violento.
 Abbiamo perso la memoria di questa nostra storia e con superbia oggi permettiamo che le parole e le leggi trattino “gli altri” come noi abbiamo sempre detestato essere trattati. Eravamo gli ultimi ed oggi pensiamo di essere i primi.
È l’atteggiamento di chi crede d’aver fatto un passo verso la civiltà e la democrazia ma ha dimenticato le sue origini. Ricordiamoci sempre che se “gli ultimi saranno i primi”, “i primi saranno gli ultimi”. E continuando così, com’è già accaduto emigrando, noi italiani continueremo a non  poter entrare in nessuno dei “regni possibili”.
“L’orda” di Gian Antonio Stella
********************
Clandestini” africani? No, sporchi italiani
Violenti, eccitabili, accoltellatori
Si suppone che l’Italiano sia un grande criminale. È un grande criminale. L’Italia è prima in Europa con i suoi crimini violenti. (…) Il criminale italiano è una persona tesa, eccitabile, è di temperamento agitato quando è sobrio e ubriaco furioso dopo un paio di bicchieri. Quando è ubriaco arriva lo stiletto. (…) Di regola, i criminali italiani non sono ladri o rapinatori – sono accoltellatori e assassini.
dal “New York Times”, 14 maggio 1909

La differenza nell’odore
Non sono, ecco, non sono come noi. La differenza sta nell’odore diverso, nell’aspetto diverso, nel modo di agire diverso. Dopotutto non si possono rimproverare. Oh, no. Non si può. Non hanno mai avuto quello che abbiamo avuto noi. Il guaio è…. che non ne riesci a trovare uno che sia onesto.
Richard Nixon, presidente degli Stati Uniti d’America, 1973
Aglio, scimmie, sporcizia
Nella stessa stanza trovai scimmie, bambini, uomini e donne, con organetti e stampi di gesso, tutti ammucchiati insieme (…); un caos di suoni e una combinazione di odori derivanti da aglio, scimmie e dalle persone più sporche. Erano, senza eccezione, la popolazione più sozza che avessi mai incontrato.
descrizione del quartiere italiano da Charles Loring Brace, “The Dangerous Classes of New York”,

Cartelli criminali, tutti italiani
 Oggi il cuore del crimine organizzato negli Stati Uniti consta di 24 gruppi che operano come cartelli criminali nelle grandi città di tutto il paese. I loro membri sono esclusivamente di origine italiana, sono in costante comunicazione tra loro, e il loro insinuante funzionamento è assicurato dalla presenza di un corpo nazionale di capi.
Dalla Relazione della President’s Commission on Law Enforcement and Administration of Justice, Usa, 1967

Distruttori del mercato del lavoro americano
Una grande percentuale degli immigrati stranieri che si sono riversati in questo paese negli ultimi anni sono cattolici, e una grande percentuale di loro vengono dagli strati più bassi dell’Italia. La politica del Klan (Ku Klux Klan ndr ) è di fermare il flusso degli indesiderabili così da evitare la distruzione del mercato del lavoro americano.
da “Principles and Purposes of the K.K.K.”

Attentano a moralità e civiltà
 Noi protestiamo contro l’ingresso nel nostro Paese di persone i cui costumi e stili di vita abbassano gli standard di vita americani e il cui carattere, che appartiene a un ordine di intelligenza inferiore, rende impossibile conservare gli ideali più alti della moralità e civiltà americana.
Reports of the Immigration Commission, Usa, 1911
Nullafacenza e vile devozione
La popolazione italiana che brulica da queste parti, macchia due volte il pavé del sobborgo rivoluzionario. Essa rappresenta la nullafacenza; rappresenta anche la vile devozione e mollezza nel pieno della sfacciataggine parigina e della blasfemia popolare.
da “La religion des Italiens vue par l’écrivain Jules Vallès. Cronique publiée dan la France” 1882

Terrore transalpino risse e coltellate
Il quartiere di Spalen a Bale è diventato negli ultimi anni una vera colonia di operai transalpini. La sera soprattutto queste strade hanno un vero profumo di terrore transalpino. Gli abitanti si intasano, cucinano e mangiano pressoché in comune in una saletta rivoltante. Ma quello che è più grave è che alcuni gruppi di italiani si assembrano in certi posti dove intralciano la circolazione e occasionalmente danno vita a risse che spesso finiscono a coltellate.
da “La Suisse”, Ginevra, 17 agosto 1898
in “Liberazione” del 15 agosto 2009
PER  NON  DIMENTICARE.
*****

Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.