Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 16 aprile 2015

Guardare l`Italia dall`alto in basso.

Dilemma per quelli che tengono al proprio Paese; interesse per chi abbia scopi commerciali; domanda con risposta scontata per chi sia fuggito via; domanda spesso non pervenuta per chi ci governa. Come si può guardare e con che occhi viene vista l'Italia dall'Estero?
In questo caso la risposta è “dall'alto al basso”. Ma, fortunatamente, la risposta è intesa anche in senso geografico, dato che questa volta utilizzerò, come punto di osservazione, la Svezia.

In genere, gli svedesi amano l'Italia. Ne conoscono cibi e bevande, ci vanno volentieri in vacanza (anche per sciare, pur essendoci delle stazioni sciistiche svedesi), sono attratti dalla storia. Proprio in questi mesi, vicino a Stoccolma, si tiene una bellissima mostra su Pompei. 
Al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia negli ultimi anni c'è stata una mostra su Guglielmo Marconi e anche un Arduino Day (per Arduino intendo la piattaforma hardware nata a Ivrea). Molta gente conosce un po' delle glorie del cinema. Ad esempio, Federico Fellini. E non a caso, dato che la svedese Anita Ekberg lavorò sotto la sua regia. Un po' di silenzio in più sulla musica nuova, essendo gli svedesi anglofoni per quanto riguarda la musica pop e data la crisi globale della musica classica contemporanea.
La Svezia presta anche attenzione alla produzione letteraria italiana. Sulle pagine della cultura di un quotidiano, oggi è apparsa una recensione dell'ultimo romanzo di Umberto Eco. Un po' di dolori vengono in libreria, dove, negli scaffali di storia dell'Italia, compaiono quasi unicamente libri sulla mafia. Sembra – mi dicono – che siano gli unici che si vendono. Ci sono aziende di import-export di prodotti italiani (soprattutto alimentari) e una sola azienda italiana quotata in borsa in Svezia.
Come potrebbero vederci – azzardo a dire – gli svedesi? Con curiosità, probabilmente. Perché abbiamo un sacco di cose belle e interessanti da proporre, ma siamo (geograficamente e non solo) distantissimi da loro.
Invece com'è l'Italia, guardata da un italiano all'estero? Per chi c'è da tempo e vive qui, la realtà italiana diventa distante. Nonostante spesso il carattere degli svedesi sia riservato. Distante perché la puntualità dei servizi, la qualità della vita e tante altre cose sono così diverse da rendere l'Italia incomprensibile. In questo caso, spesso, viene da guardare la povera nostra nazione dall'alto al basso, cioè piegando la testa e lasciandosi sfuggire una grande lacrima, che, per orgoglio vorremmo ricacciare giù. Verrebbe da gridare alla gente di smettere di preoccuparsi per le fesserie di destre, sinistre, variabili sulla sessualità, vizi pubblici e (molto) private virtù di tanti amministratori pubblici (alla faccia di quelli che, tra loro, vogliono comportarsi onestamente) e guardarsi attorno. Noi, dall'Italia, immersa nel bacino del Mediterraneo, abbiamo il problema del Medio Oriente e dell'Africa, della convivenza con chi abbiamo accolto (venisse Salvini a vedere quanti Rom ci sono a Stoccolma, si spaventerebbe).
Una famiglia di etnia Rom a Stoccolma
Ci sono due problemi. Uno materiale, perché moltissima gente non arriva a fine giornata (non a fine mese). In più la precarietà è diventata un rassegnato credo per moltissimi. Ed uno culturale. Pensiamo di essere aperti al mondo (lo siamo grazie a tantissime persone, che si dedicano con attenzione ai bisognosi in Italia e nel mondo). Invece siamo ottusamente affascinati dalle retrospettive, inchiodati a vecchi argomenti di conversazione e riflessione, a un pessimismo sterile. 
E non vediamo che, fuori dall'Italia, il mondo va avanti.

Forse dovremmo augurarci di tornare ad essere un popolo di navigatori (non solo in rete), smettendo di essere passeggeri (prendo in prestito la bella immagine dal duo Dalla – De Gregori). Così, per tornare a scoprire quanto è bello il mondo.
källa: Articolo3 quotidiano online





Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.