Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 2 giugno 2015

2 Giugno. Buon compleanno Italia


Che cosa significa essere italiani, oggi? Prima di tutto sentirsi italiani e contenti di esserlo. Il che non vuol dire churchillianamente, «sto con il mio Paese (o il mio popolo) giusto sbagliato che sia». Significa non denigrarsi, attività che ci è molto congeniale, e essere coscienti che la nostra storia e la nostra cultura fanno di noi un popolo molto speciale, quali che siano i problemi che dobbiamo affrontare – oggi – come nazione e Stato.

Italiano è colui che difende la sua nazione, conosce la storia della nazione, ama la nazione, onora la nazione, partecipa ai suoi usi, costumi e tradizioni, aiuta a migliorare la sua nazione economicamente e culturalmente e osserva i doveri e le leggi della sua nazione. Non è sufficiente essere nati, lavorare e vivere in Italia per essere italiano. Io ho dovuto espatriare in Svezia, e in 45 anni non ho mai desiderato "diventare cittadino svedese"  perché il mio cuore è e sarà sempre italiano così come credo la pensano tutti i non italiani che vengono in Italia. 

Essere Italiani significa essere nati nella culla della Civiltà ed essere detentori di priorità fondamentali nell'Arte, nella Letteratura, nelle Scienze, nelle Matematiche, e nella Tecnologia. Senza disconoscere altre priorità ad altri popoli europei. Il fondatore della Scienza è stato Galileo Galilei, che ne ha dato il metodo teorico-sperimentale. Dopo di lui le scoperte si sono moltiplicate a ritmo esponenziale. Grazie anche alla risonanza del suo processo che ha permesso la diffusione della sua fama e dei suoi studi in Europa fin dove giungevano le strade consolari romane. 
Così il metodo e le sue potenzialità poterono essere sviluppati da scienziati italiani, francesi, inglesi, tedeschi, svizzeri, olandesi, danesi. E l'Europa occidentale divenne la culla della Scienza e della Tecnologia. 
Essere italiani significa avere coscienza che dopo alcuni secoli cosiddetti "bui" che però rilucevano della Fede cristiana, la grandezza dell'Impero romano riaffiorava in un afflato trasformato attraverso il Rinascimento, e la Chiesa di Roma emblematicamente risorgente nel mondo moderno sotto la cupola michelangiolesca. Quei valori risorgevano a beneficio di tutta l'Europa, e oggi sono il fondamento della sua unità, ripristinata dopo duemila anni. Le lotte ideologiche, retaggio di guerre fratricide, l' apparire di dottrine egoistiche, e ristrette a falsi idoli individualisti, cercano oggi di intaccare il senso della Storia. 

Essere italiani significa richiamare quel senso. Il che si può fare ritornando a pensare in grande il destino che questa fortunata dimensione mediterranea ci ha dato. 

Viva l`ITALIA,
viva la Repubblica!!!


Post in evidenza

LA VITA CONTINUA

La vita la combattiamo ogni giorno, con tutti i suoi problemi e le apprensioni che ne conseguono, ma poi alla fine nel nostro intimo ognun...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.