stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 1 giugno 2015

Quell`italiana di Stoccolma fiera di essere finita nella «black list» di Putin


«Fiera» di essere finita nella «black list» di Putin. Lo dice l’italiana Anna Maria Corazza. Finita nell’elenco degli «indesiderabili» a seguito delle sue attività condotte da europarlamentare svedese, Paese di cui ha preso la cittadinanza dopo il matrimonio con Carl Bildt, ex primo ministro a Stoccolma e leader del Partito Moderato. Corazza, 52 anni, romana, funzionaria Onu, conobbe Bildt nel 1998 in Bosnia: lei lavorava qui per le Nazioni Unite e lui svolgeva funzioni diplomatiche. Nel 2009 si è candidata alle Europee, ottenendo 85.405 preferenze.
"Se sono tra gli 'indesiderati' - dice all'Adnkronos - è perché io sono molto chiara nel mio impegno per la pace e la libertà in Europa e sono stata attiva nel sostenere il popolo ucraino, invaso da Putin in violazione del diritto internazionale. La nostra 'grande colpa' è quella di esserci schierati senza se e senza ma al fianco del popolo ucraino".
"Le sanzioni - spiega Corazza - non vogliono essere 'punitive' o fini a se stesse: sono l'unico strumento che abbiamo per ottenere un vero cessate il fuoco. Noi non siamo contro la Russia, ma riteniamo che non è con la politica delle sfere d'influenza e con gli Stati satelliti che si va avanti. Anzi, la Russia di Putin così si isola, si mette da sola ai margini dell'Europa".

Quattro anni fa in occasione dell`uscita del suo libro Kärleksfullt från Parma” (Da Parma con amore) per farla conescere meglio publicai un post. Per leggerlo basta cliccare sul seguente link e buona lettura:
http://franco-francofaziocom.blogspot.se/2011/04/karleksfullt-fran-parma.html



Post in evidenza

Intrigo a Stoccolma. (Parte 1)

Stoccolma: Settembre 1965 Arrivai in Svezia in una giornata come quella di oggi. Calda, cielo un pò nuvoloso con sprazzi d`azzurro in...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.