stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

martedì 2 febbraio 2016

Buongiorno alla distanza.

A chi stamattina si è svegliato e la sta odiando.
A chi si sente lontano dalle persone a cui vuole bene.
A chi è stanco delle sole foto.
A chi quei km non li sopporta più.
A chi è troppo che non abbraccia qualcuno, solo perché è lontano.
A chi conta quanti giorni son passati e quanti ne rimangono.
A chi spunta le date sul calendario, ma i giorni non passano mai.
A chi si rimette in viaggio.
A chi deve partire e non vuole farlo.
A chi lascia un pezzo di vita da una parte per raggiungere un nuovo posto.
A chi non sa cosa troverà.
A chi va all'avventura e pensa:
 “non sarà un'avventura non può essere soltanto una primavera questo amore non e’ una stella che al mattino se ne va”.
Buongiorno a chi vorrebbe prendere la macchina e raggiungere quel posto desiderato.
A chi sente che il mare lo sta aspettando.
A chi chiude gli occhi e immagina come potrebbe essere.
A chi ha gli amici lontano e non ne può fare a meno.
A chi li raggiungerebbe ovunque.
A chi vorrebbe coprire una distanza impossibile da colmare.
A chi stringe nel cuore un'amicizia.
A chi crede nei migliori amici.
A chi ci lotta fino alla fine.
A chi li ha visti andare via e si chiede dove siano adesso.
A chi sa che per loro una mano ci sarà sempre.
A chi, infine, aspetta quel momento che prima o poi deve tornare.


Aurora

Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.