stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

domenica 23 ottobre 2016

Alta tensione tra Dylan e Nobel.


La pazienza ha un limite anche per gli svedesi che dopo aver passato una settimana ad inseguire Bob Dylan novello Nobel per la letteratura sbottano e fanno sentire la loro voce attraverso Per Westberg scrittore e membro dell`Accademia che assegna il Nobel: "Credo sia giusto dire che la sua reazione è stata maleducata e arrogante", ha detto senza mezzi termini lo scrittore alla tv pubblica svedese Svt ripreso dal Guardian. Ha anche spiegato di non essersi stupito del fatto che il musicista abbia fatto comparire e poi scomparire alcune ore dopo, sul proprio sito web, una frase in cui citava la vittoria del premio.
Per Westerberg con la principessa Viktoria erede al trono di Svezia durante un ricevimento per il Nobel.
"Sembra un uomo molto scontroso e riservato, non mi pare nulla di sorprendente", ha detto Westberg. "Steremo tranquilli e aspetteremo. O comparirà, e in quel caso sarà benvenuto, oppure non comparirà, e allora organizzeremo qualche altra cosa per la festa. In ogni caso, continua a essere uno dei premiati", ha aggiunto, facendo riferimento alla cerimonia di consegna dei premi a Stoccolma in programma il 10 dicembre. Come è noto il musicista non ha fatto nessuna dichiarazione né tantomeno un ringraziamento sul premio, neanche durante i suoi concerti. Ieri c'era stato il giallo della citazione prima inserita e poi rimossa dell'assegnazione del premio nel suo sito. Su una pagina ufficiale (nella sezione Books) che promuove un nuovo libro sui testi delle sue canzoni, The lyrics: 1961-2012: tra le credenziali era comparsa anche quella relativa al "Premio Nobel per la Letteratura". Ma la dicitura è stata rimossa dopo poche ore senza spiegazioni.
Personalmente non credo che Dylan venga ha ritirare il premio per il semplice motive che Dylan ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti, ma ha spesso evitato le cerimonie pubbliche, come accadde nel 2010 quando gli fu conferita la National Medal of Arts americana.
Insomma quando uno “è ribelle” è ribelle sempre. Anche a 75 anni e poi per me è un grande anche per il suo modo di essere schivo che lo ha contraddistinto tutta la sua vita.
E allora se vuoi resta a casa “Mr Tambourine Man” i poeti non hanno bisogno di premi per essere poeti, basta "il sentimento” che ci hai regalato per sapere che sei un grande.


Post in evidenza

18 Gennaio

Oggi, come ogni 18 gennaio, è il mio genetliaco, in uno sciagurato giovedì mattina di tanti anni fa, non so a che ora, nella periferia...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.