Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 27 ottobre 2016

Serenità: "Vivere non è morire, ma affinare l’arte di saper invecchiare."



Ho appena finito di leggere Serenità. L`arte di saper invecchiare di Wilhelm Schmid, filosofo tedesco il quale ci suggerisce dieci passi per raggiungere la serenità, che possono emergere dalle nostre osservazioni, dalle nostre esperienze e da ciò a cui siamo sopravvissuti. Accettare con serenità il tempo che passa è una delle conquiste più importanti del nostro tempo. Il filosofo tedesco ci insegna come l’invecchiare sia una forma potenziata del «maturare».
Nel 2014 Serenità è stato per mesi al primo posto nella saggistica tedesca.
Nessuno può insegnarci come vivere né come invecchiare con serenità, nemmeno questo libro. Ma Schmid suggerisce «dieci passi per raggiungere la serenità che possono emergere dalle nostre osservazioni, dalle nostre esperienze e da ciò a cui siamo sopravvissuti».
Se "l’ars vivendi" implica la consapevolezza della propria mortalità, accettarla porta ad abbracciare la vita nella pienezza delle sue stagioni. Primavera, estate, autunno, inverno. Infanzia, giovinezza, maturità e vecchiaia, il filosofo tedesco focalizza sulla vecchiaia la sua indagine esistenziale e analizza nei dettagli l'ultima stagione della vita, quella che nessuno o quasi si sente di affrontare in modo consapevole. Tutti sappiamo che arriverà, ma in genere siamo propensi a non volerla riconoscere, a non considerarla, neanche quando la stiamo attraversando. Come se ci dovesse essere sempre un futuro, una scappatoia risolutiva per evitare di vivere il presente.
Eppure, è questo il messaggio contenuto in Serenità, accettare che siamo mortali vuol dire conoscere le diverse stagioni della nostra esistenza, con tutto quello che ciascuna fase comporta, vecchiaia compresa. E attraversarla coscientemente, senza rimozioni. La vecchiaia è una minaccia, non più il coronamento di un’esistenza piena. Dobbiamo riappropriarci della serenità per riconquistare la "joie de vivre" e, per farlo, un primo passo è pensare le diverse fasi della vita come tappe di un viaggio in cui la vecchiaia è il capitolo finale, cui affidarsi «con la maggiore tranquillità possibile».

Ecco in sintesi i dieci passi per raggiungere la serenità.
  1. Comprendere appieno le diverse fasi della vita, e riconoscere quale età sto vivendo.
  2. Comprendere quali sono le particolari fatiche della vecchiaia, e accettarle.
  3. Avere abitudini, e apprezzarle perché confortano senza alcun bisogno di energia.
  4. Godersi i piaceri della terza età, così come i numerosi e meravigliosi ricordi.
  5. Stimolare continuare la capacità di accettazione, poiché sono molte le cose che non possiamo più cambiare.
  6. Cercare sempre il contatto con gli altri, tutti conoscono cosa significa essere abbracciati.
  7. Vivere in una rete di relazioni familiari, d'amore e d'amicizia.
  8. Riflettere sulla vita e sul suo significato. 
  9. Riflettere sui limiti dell'esistenza e sul significato della morte.
  10. Riflettere sull'aldilà e percepire che si è parte dell'intero universo

Wilhelm Schmid è nato a Billenhausen nel 1953.
Ha studiato Filosofia e Storia a Parigi, Tubinga e Berlino e proprio a Berlino vive da anni e insegna Filosofia. Ha svolto anche l’attività di “consulente filosofico” presso un ospedale di Zurigo, e tiene conferenze molto seguite in tutta Europa. I temi prediletti affrontati nei suoi numerosi bestseller sono la filosofia da utilizzare come aiuto pratico nella vita. Nel 2014 Serenità è stato in cima alle classifiche dei bestseller in Germania.
"Insomma compratevi sto`libro e non se ne parla più...!!" 
nonno Franco 

 

Post in evidenza

Venite tutti in Svezia

Venite tutti in Svezia: Gran gnocca che la dà facile, fighi vichinghi idem. Stato ricco mi ci ficco. Vivere senza lavorare. Servizi ecce...

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.