Se non dovessi tornare.

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

giovedì 22 aprile 2010

Spezzatino con patate .


Ricetta da trattoria,anzi casalinga,ma mi piace ,ho mica si campa di pytt i panna e tortini_svedesi.

Dunque per 2 persone,ci vogliono 5-6 pezzi di punta di petto,,taglio grasso e magro che si adatta benissimo a questo piatto,1\2 bichiere di vino bianco,1\2 cipolla,4 patate di pasta gialla e belle farinose,che in parte si dovranno disfare in cottura,olio4 cucchiai,una noce di burro,sale e pepe nero.

Escecuzione ultra semplice,soffritto di cipolla,olio e burro,poi si rosola la carne ,si sfuma il vino e si aggiusta di sale.


Poi si aggiungono le patate a pezzetti, si copre tutto con un buon brodo di carne e si lascia cuocere a fiamma bassissima ...................................per due ore e più,aggiungendo man mano altro brodo.
Quando la carne è tenerissima si riassaggia di sale,e si fa stringere il sugo
Si serve bello caldo con una robusta grattata di pepe nero.

Oh a me piace ,ci vuole solo il tempo per seguir la cottura

Buon appetito.

Attenzione

Attenzione
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. L`autore si riserva pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. L`autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.