stranezze

Stranezze e stupidaggini di un nonno in pensione nelle terre dei Vikinghi.

lunedì 8 novembre 2010

"Carlo XVI Gustavo, re suo malgrado"

 
E' andata a ruba, in Svezia, la biografia del re Carlo XVI Gustavo, in cui il sovrano viene descritto tra relazioni extraconiugali e festini sfrenati. Il libro, "Carlo XVI Gustavo, re suo malgrado", scritto da tre giornalisti, racconta la gioventù e l'ascesa al trono del re, ma la maggior parte del volume è dedicata alle feste organizzate con altri amici in compagnia di giovani donne.

Si parla anche della sua amante, la cantante del gruppo Army of Lovers.
Camilla Henemark avrebbe avuto una relazione con Carlo XVI alla fine degli anni '90. Il libro è basato soprattutto su testimonianze anonime specialmente di membri del suo entourage. I racconti sono molto dettagliati. Erano "ragazze a' la carte per la banda del re", scrivono i tre coautori - Thomas Sjoeberg, Deanne Rauscher e Tove Meyer.

L'opera descrive inoltre come il capo di Stato svedese abbia messo in pericolo la sua sicurezza andando a feste in alcuni club di dubbio gusto, uno dei quali a Stoccolma gestito da un pregiudicato. "Volevamo presentare il re in quanto persona e come viene percepito nel suo entourage", spiegano gli autori. Dal canto suo il re ha dichiarato di non aver avuto ancora il tempo di leggerlo, ma che i titoli di stampa in proposito "non erano gradevoli".

"Ho parlato con la mia famiglia e con la regina", ha aggiunto Carlo XVI Gustavo, "gireremo questa pagina e faremo altro perché, se ho capito bene, si tratta di fatti accaduti molto tempo fa".

La biografia è andata esaurita nelle librerie di Stoccolma solo poche ore dopo essere uscita.
Posted by Picasa

Post in evidenza

Prima domenica dell`Avvento

Ecco, ci siamo: Oggi è la prima domenica dell`Avvento e qui in Svezia è tradizione che si addobbano i davanzali con candelabri e ste...

Sono andato, tornato, ripartito.

Sono andato, tornato, ripartito.
E così ora sono qui, in un’altra fase della Vita. Abito vicino al ponte Västerbron, a forma di arpa. E’ bellissimo. La mia gratitudine è a scoppio molto ritardato. Faccio in tempo a dimenticare gli atti, i nomi e i volti prima di aver capito quando dovessi ad ognuno.